pagina iniziale "arezzo"            le schede            gli aggiornamenti             il postalista
 
  Stia
di Roberto Monticini


Compartimento amministrativo da cui dipende

nel 1826

nel 1833

nel 1850

abitanti 1833

Arezzo

Arezzo

Arezzo

2.510

NOTE AMMINISTRATIVE E ORGANI DI GOVERNO NEL 1850:
Non si conosce come sede di Organi Amministrativi nel 1850

NOTE POSTALI:
Dalla I.R. Direzione delle Poste in Arezzo il 13.12.1849:
Dipendente dal Regio Uffizio di Poppi, titolare dell’U.C. di Stia: Tommaso Piccioli, cambia la bolgetta chiusa tutti i giorni, compresi due giorni straordinari la settimana, paga volta per volta,non ha bolli, ne registri, neppure stampe di qualunque sorta”.

Bargagli riferisce che a Stia fin dall’epoca granducale esisteva in Pietra una buca d’impostazione con la scritta “Posta di Stia e Pratovecchio per Firenze”.
Nella Nota inviata dal Prefetto di Arezzo alla Soprintendenza il 12.11.1850 è ufficio comunitativo dipendente da Arezzo:

epoca della istituzione

movimento delle lettere

RR U.P. con cui corrisponde

a) bollo?
b) Tariffe e regolamenti?

a) spese d’ufficio
b) del distributore
c) del Procaccia

Luglio 1843

16.500 circa

Poppi tutti i giorni escluso sabato

a) no
b) no

a) nulla
b) L. 80
c) L. 156

Nella nota spedita il 3 ottobre 1850 dalla Cancelleria e Ufficio del Censo di Stia si leggeva che il movimento delle lettere era in numero di 15.600 circa, “fra lettere franche, non franche e giornali, che le lettere ed altro, vengono bollate dal disrtibutore Regio di Poppi, che nella somma di £ 80 è compreso a carico del distributore comunale anche il mantenimento del locale di distribuzione, che la somma di £ 156 va al Procaccia di Pratovecchio che presta servizio a questa Comunità”.

Non compare tra gli Uffici Regi del D.M. del 16.2.1861.


fonti:
da Uffizi di Posta in Toscana (1814-1861) di Sergio Chieppi e Roberto Monticini - Editoriale Olimpia, 2002