A.S.PO.T.

Comunicato Stampa

 A.S.PO.T. – ASSOCIAZIONE PER LO STUDIO DELLA STORIA POSTALE TOSCANA
E
CIRCOLO FILATELICO FIORENTINO


TOSCANA 2010 - MANIFESTAZIONE FILATELICA E STORICO POSTALE
50053 EMPOLI (FI) - PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI – PIAZZA G. GUERRA
Dal 10 all’ 11 APRILE 2010

 


La prima edizione si svolse nel 2001, per celebrare il Centocinquantesimo dei Francobolli di Toscana. A dieci anni di distanza, nei giorni 10 e 11 aprile, presso il Palazzo delle Esposizioni di Empoli, si è tenuta “TOSCANA 2010”, ora come allora organizzata dall’Associazione per lo Studio della Storia Postale Toscana e dal Circolo Filatelico Fiorentino. Ed ora come allora si è presentata l’opportunità di celebrare un altro importante evento filatelico: i 150 anni dei francobolli del Governo Toscano che, guidato dal barone Bettino Ricasoli, condusse – attraverso il Plebiscito del 10-11 marzo 1860 - all’unione dell’ex granducato con il Piemonte e poi all’Unità d’Italia. E’ questo l’evento storico attorno al quale ha ruotato la manifestazione e cui sono stati dedicati dall’A.S.PO.T. una collezione di storia postale ed una giornata di studio, oltre alla cartolina ricordo.
La collezione su “L’emissione del Governo Toscano” - frutto del lavoro collettivo dei soci: Vanni Alfani, Leonardo Amorini, Luciano Grazzini, Giovanni Guerri, Luigi Impallomeni, Saverio Imperato, Pietro Lazzerini, Franco Moscadelli, Alessandro Papanti, Paolo Saletti, Paolo Vaccari e Lorenzo Veracini – è stata particolarmente apprezzata ed oggetto di discussione da parte dei visitatori. E’ stata realizzata in modo da essere facilmente comprensibile anche da chi non è un addetto ai lavori, cercando di evidenziare il rapporto fra la posta e gli avvenimenti del Risorgimento Toscano di quegli anni.

da sinistra il perito Gino Biondi ed alcuni dei soci che hanno collaborato alla collezione collettiva: Leonardo Amorini, Paolo Saletti, Lorenzo Veracini, Luciano Grazzini, Alessandro Papanti,
 Pietro Lazzerini e Paolo Vaccari


Questi i punti in cui è stata articolata:
- Piano della collezione con nota storica.
- Introduzione mediante una lettera scritta da Giuseppe Montanelli - patriota toscano, combattente nella prima e seconda guerra di indipendenza, noto uomo politico membro del Triumvirato con Guerrazzi e Mazzoni, nel 1859 deputato nell’Assemblea Toscana e nel Parlamento Nazionale, nonché avo del giornalista Indro – scrivendo alla moglie, parla dell’invito ricevuto dal barone Bettino Ricasoli per la festa che darà in palazzo Vecchio il 1° di gennaio 1860, cioè proprio il giorno dell’emissione del francobolli con l’immagine dello scudo crociato di Casa Savoia.
- Date chiave del periodo: 1.1.1860 emissione della serie; 1.1.1861 introduzione dei francobolli del Regno di sardegna in Toscana; ultimo giorno della Toscana quale entità politica autonoma; 1863: uso degli ultimi francobolli del Governo Toscano.
- Tariffe per l’interno.
- Tariffe per gli Antichi Stati Italiani.
- Destinazioni per l’Estero.
La cartolina ricordo, in tema con la ricorrenza e con la collezione collettiva, rappresentava una lettera ed un giornale del periodo risorgimentale toscano, affrancati con i valori dell’emissione commemorata.


La mostra era completata dalle seguenti collezioni, presentate da singoli soci dell’A.S.PO.T., aventi ad oggetto prevalentemente la storia postale toscana: Giovanni Guerri “I bolli di stazione con numeri romani delle Strade FerrateToscane”; Alessandro Papanti “I servizi postali ferroviari in Toscana 1844-1905”; Sergio Rinaldi “Il 15 cent. litografico del 1863, II tipo: ricostruzione del blocco di riporto”; Vanni Alfani ha invece proposto tre collezione incentrate su eventi storici del XIX secolo: “Brigate Internazionali”, “Rifugiati in Francia”, “Spagnoli in Russia”.
La giornata di studio ha avuto ad oggetto l’approfondimento sulle caratteristiche e sull’uso di quella emissione patriottica emessa in lire italiane. Paolo Vaccari ha tenuto un’ampia ed articolata relazione - arricchita da proiezione di immagini con esemplari e lettere i più interessanti e rari del periodo - nella quale sono stati evidenziati i vari aspetti dell’emissione: dalle caratteristiche tecniche alle varietà, dalle lettere affrancate con il raro 3 Lire alla tariffa delle lettere indirizzate a militari, dall’uso misto con i francobolli sardi a quello fuori dal territorio toscano.


Questi gli eventi collegati alla manifestazione:
- Il conferimento del Premio Pantani 2010, intitolato al cultore della storia postale toscana Piero Pantani prematuramente scomparso, che viene attribuito a chi in qualunque modo si è distinto nello studio e/o nella diffusione della filatelia toscana. E’ stato premiato Roberto Monticini, al quale è stato riconosciuto il merito di avere per lungo tempo contribuito in modo determinante all’organizzazione ed al funzionamento dell’Aspot, nonché per avere creato e sviluppato una originale “Rivista on line di cultura filatelica e di storia postale”, dove gli articoli relativi alla Toscana occupano uno spazio di rilievo. Il premio è stato consegnato dal presidente dell’associazione Alessandro Papanti e dal vicepresidente Paolo Saletti.

 Da sinistra: Roberto Monticini, Paolo Saletti, Papanti Alessandro

Roberto Monticini


- L’asta pubblica della ditta Sergio Santachiara di Reggio Emilia ha visto una buona partecipazione di pubblico in sala, e numerosi pezzi combattuti per l’aggiudicazione: fra i settori più rappresentati emergeva quello relativo alla Toscana, che comprendeva lotti di prefilateliche, sanità, navigazione, posta militare, Strade Ferrate, Granducato, Governo Provvisorio, Periodo Sardo e Regno, che chiudeva l’offerta.
- Nel pomeriggio del sabato si è tenuta la riunione dei Circoli Filatelici Toscani, coordinata da Saverio Bocelli, delegato regionale della Federazione fra le Società Filateliche.
- Nella giornata di sabato è stato in funzione l’Ufficio Postale distaccato munito di annullo speciale della manifestazione.

La presenza delle tre impiegate di Poste Italiane che hanno assicurato il servizio, è stata particolarmente apprezzata per l’efficienza e la cortesia.


- Il Convegno Commerciale (filatelia, numismatica, cartoline, cartografia, libri e documenti postali e storici) ha registrato buona presenza di espositori e di collezionisti, in special modo nella giornata di sabato, quando, come è noto, gli appassionati si affollano davanti ai banchi alla ricerca di qualche “pescata”.
Il consuntivo della manifestazione, sia per i contenuti e per l’evento celebrato, che sotto l’aspetto commerciale e collezionistico, non può essere che positivo. “Toscana 2010” si è confermato l’appuntamento più importante nel panorama toscano del settore e fra gli eventi più seguiti del calendario nazionale.



                         A.S.PO.T.
                           Il Presidente
                          Avv. Alessandro Papanti
 

 


 

 

 

 

ASPOT  ASSOCIAZIONE PER LO STUDIO DELLA STORIA POSTALE TOSCANA

Sede: c/o Studio avv. A.Papanti, via Del Giglio 56, 50053 Empoli

ASPOT Chi siamo