Torna alla Posta Militare

Torna alle Brigate di fanteria

 

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori
Brigata Catania
di Giuseppe Marchese

Costituita il 1° marzo 1915 con i Reggimenti: 145° 146°. Sciolta nell’aprile 1920.

CAMPAGNE DI GUERRA E FATTI D’ARME - PRIMA MONDIALE ( 1915/18)

1915: Il 5 giugno raggiunge Udine. Il 19 luglio due suoi battaglioni sono inviati in linea nel tratto Pai Grande-Passo di Monte Croce - Pai Piccolo e Castello Valdajer. Nei giorni successivi la brigata si schiera insieme ad alcuni reparti alpini nel sottosettore Alto But, Alto Degano, Monte Panlaro ove trascorre il resto dell'anno svolgendo intensa azione di pattuglia e lavori di rafforzamento delle linee.

Dal 19 luglio al 31 dicembre Sottosettore Alto But – Alto Degano, Monte Paularo, Passo si Monte Croce, Pal Piccolo, Monte Freikofel, Pal Grande, Pizzo Avostanis, Casera Malpasso, Monte Scarnitz, Monte Cuestnita, Creta Rossa, Monte Zermula, Monte Salinchiet.

in zona di riposo:
Dal 24 maggio al 18 luglio: Catania, Messina,Udine. Trasferimento Cussignacco Tolmezzo

1916: sempre in linea nelle consuete zone, viene rilevata il 23 aprile dalla I Brigata Bersaglieri. Il 13 giugno si schiera nelle posizioni di Val Canaglia-Val Cenciotta - pendici di Monte Pau. Il 25 giugno alla brigata è affidata la difesa di Val d'Astico. Il 27 riceve l'ordine di sostenere l'azione che le truppe della Divisione svolgeranno verso Monte Cimone, avanzando in forze fino a portarsi all'altezza di Barcarola per sbarrare la Val d'Astico. il 28 l'azione prosegue verso l'Altopiano di Tonezza, attaccando decisamente da tergo le difese di Monte Cimone. I suoi reparti operano in Val Tezze, Val Caugana, Tonezza e Valle Orsa. Fino al 30 giugno tentano di avanzare ma le difficoltà del terreno e la reazione avversaria non permettono sensibili progressi: le perdite ammontano a 13 ufficiali e 269 soldati. Il 2 luglio l'azione è ripresa senza ulteriori progressi, analogamente finisce il tentativo del giorno 8. Fino al 21 luglio la brigata sosta per il rafforzamento delle posizioni svolgendo continue azioni dimostrative e di disturbo : in questo giorno viene ripreso l'attacco per la conquista dell'Altopiano di Tonezza. Il 23 è occupata la località di Osteria e il 24 si impadronisce di Sega Casentina proseguendo verso Settecà.
Dopo un periodo di riposo e riordinamento la Catania è nuovamente in linea il 17 settembre schierata sul Debeli. Il 23 i suoi reparti sventano un tentativo di attacco avversario verso q. 144; il 10 ottobre con brillante azione tentano la riconquista totale della detta quota; il bilancio delle perdite è di 15 ufficiali e 660 soldati. L'occupazione è ampliata nei giorni successivi (11 e 12) e costa la perdita di altri 36 ufficiali e 588 soldati. il 1° novembre ha inizio una nuova azione che dura fino al giorno 6 e che porta notevoli vantaggi. il 9 la Catania è sostituita in linea dalla Cremona.

Dal 1° gennaio al 29 aprile - Sottosettori Alto But. Alto Degano – Passo Monte Cro, Pal Piccolo, Monte Freikofel, Pal Grande, Pizzo Avostanis, Casera Malpasso, Monte Scarnitz, Monte Cuestnita (Cuestalta), Creta Rossa, Monte Zermula, Monte Salinchiet.
Dal 13 giugno al 24 luglio (Val Canaglia, Val Cenciotta, pendici di Monte Pan, difesa di Val D’Astico (riva destra dell’Astico, Villa Rossi, Molino di Pria, Forte Ratti, Punta Corbin, Casera Pasteggina, Monte Cimone, Val D’Assa (settega, Castelletto – Altopiano di Tonezza.
Dal 17 settembre all’8 novembre (Debeli Vrh, Lago di Pietra Rossa).
Dal 14 al 31 dicembre: (Debeli Vrh, Quota 144.


In zona di riposo:
Dal 24 aprile al 12 giugno (Arta, Tolmezzo, Madonna di Buja. Trasferimento: Palmanova, Castions di Strada, S. Andrat, Flumigano, Morsano di Strada, Porpetto). Trasferimento: Verona, S. Pietro di Lovagno, S. Briccio, Casale, Bosco Chiesanuova, S. Martino Bunalbergo. Trasferimento: Schio, Cogollo, dal 25 luglio al 16 settembre: Piovene, Rocchette, Vicenza. Trasferimento: Tapogliano, Crauglio, Begliana, Ronchi.
Dal 9 novembre al 13 dicembre. S. Lorenzo, Bozzatta, Lovara.

1917: nuovamente in linea dal 14 dicembre del precedente anno la Catania viene rilevata dalle consuete linee il 4 gennaio dalla Brigata Bari . Il 18 febbraio è nuovamente i n linea i n sostituzione della Perugia schierandosi nel tratto Monte Baldo - Roccolo Cimon - Passo Stretto, mentre il 145 si raccoglie a Bosco Pian delle Ronchelle. Dal marzo fino al 21 giugno la Catania si alterna con la Piemonte e la Pesaro in turni di linea e di difesa sul MonteZebio. Lo scoppio di una mina sul caposaldo A del Monte Zebio provoca la perdita di 13 ufficiali. Il 22 luglio è nuovamente in linea nel vallone di Doberdò e vi rimane fino al 16 agosto per ritornarvi di nuovo il 31 in sostituzione delle Brigate Bisagno e Pistoia . Il 3 settembre un audace colpo di mano porta all'occupazione di una dolina sede di un comando austriaco che il giorno 4 deve essere abbandonata a causa della reazione avversaria; il 5 è nuovamente conquistata.
Il 26 ottobre, dopo vari spostamenti, la brigata occupa le trincee della testa di ponte sull'Isonzo in vista dell'offensiva nemica e le lascerà Il 28 dopo aver protetto il passaggio delle truppe del XXIII Corpo d'Armata. Respinte le avanguardie nemiche e fatti saltare i ponti raggiunge S. Gervasio e Carlino. il 30 resiste sulla linea del Cormor e il 31, ricevuto l'ordine di ritornare allo Stella, si scontra con le avanguardie austro - tedesche nei pressi di Palazzolo, all'altezza di C. Visentini, che vengono respinte. il 1° novembre passa il Tagliamento e si disloca fra Villanova - Palazzo Persico - Stiago. Il 2 e 3 novembre è destinata quale unità di retroguardia sul Lemene e sulla Livenza mentre il 4 il 145° si trasferisce a S. Dona di Piave per la costituzione della testa di ponte di Musile e la difesa del ponte ferroviario mentre il 146 prende posizione sulla Livenza e il 6 sulle linee del Plavon ove r i mane fino al 9 quando raggiunge il Piave schierandosi da Zenson a Cà Rossetto dove deve sostenere nuovi attacchi nemici. Merita per il suo comportamento la citazione sul bollettino di guerra del Comando Supremo n. 909 del 19 novembre 1917.

Dal 1° al 4 gennaio (Debeli Vrh, Quota 144).
Dal 23 febbraio al 22 aprile (Monte Baldo, Roccolo Cimon, Passo Stretto, Monte Zevio).
Dall’1 al 15 maggio Monte Zevio, Monte Baldo, Roccolo Cimon.
Dal 31 maggio al 21 giugno Monte Zevio, Monte Baldo, Roccolo Cimon.
Dal 22 luglio al 16 agosto Vallone di Doberdò (Dolina Vittorio, Dolina Como, Dolina Mazzini, Dolina Piragino.
Dal 31 agosto al 20 settembre (Vallone di Doberdò, Selo, (Dolina Neutra, Dolina Eugei, Dolina Bosso, Dolina innominata, Dolina Catania.
Dal 27 ottobre al 18 dicembre (operazioni di ripiegamento: Testa di ponte sull’Isonzo, S. Gervasio, Carlino, linea del Cormor. Linea lungo lo stella, Tagliamento Latisana, Villanova, Palazzo Persico = linea sulla destra del fiume Lemene = Portogruaro, Corbolone, Livenza, S. Donà di Piave, testa di ponte di Musile e difesa del ponte ferroviario, Fossalta di Piave, Campolongo.

In zona di riposo:
Dal 5 gennaio al 22 febbraio Cervignano, Strassoldo. Trasferimento: Cittadella, Muttinello, Gallera, S. Martino di Lupari, Tombolo, Cusinati. Trasferimento: Marostica, Valle di Campomulo, Bosco Pian di Ronchelle.
Dal 23 al 30 aprile Valle di Campomulo, Tagarlok, Pian di Ronchelle.
Dal 16 al 30 maggio Valle di Campomulo, Tagarlok, Pian di Ronchelle. Croce di S. Antonio
Dal 22 giugno al 21 luglio Valle di Campomulo, Fossa Cornetto. Trasferimento: Cismon, Palmanova, Clauiano, Trivignano, Versa, Romans, Redipuglia, S. Elia.
Dal 17 al 30 agosto Mortesins – Armellino, Ruda, Fogliano, pressi di Doberdò.
Dal 21 settembre al 26 ottobre Polazzo, Driolassa, Ariis, Palazzolo dello Stella, Trasferimento: Villa Vicentina, Ronchi, Pieris, Mortesins.
Dal 19 al 31 dicembre Carbonera.

1918: il 24 gennaio sostituisce in linea la Teramo sul Piave nel tratto Cà di Rosa – Cà Gradenigo dove rimane fino al 21 febbraio. Il 14 marzo è in linea nel consueto settore dove i suoi reggimenti si alternano sino alla battaglia del Piave. il 15 giugno sono entrambi in prima linea e allo scatenarsi dell'offensiva concorrono, con altri reparti, ad arrestare Il nemico sulle linee Cà Malipiero, Cà Bellesine, Cà di Rosa facendo numerosi prigionieri. Il 17 è affidata alla brigata la difesa del fronte S. Filippo (Meolo) - Cà di Rosa - Cà Malipiero - Cà Bellesine - Mille Pertiche. Il 18 vengono frustrati i tentativi avversari di occupare Cà di Rosa. Il 15 agosto è inviata sul M . Pasubio, a difesa di quel settore rimane fino al i ottobre quando viene rilevata dalla Piceno .

PERDITE
1915 Settosettori alto But 19 luglio – 31 dicembre
1916 Settosettori alto But Alto Degano 1° gennaio 23 aprile
1916 Val canaglia, Val Cenciotta 13 giugno – 24 luglio
1916 Debeli Vrh 17 settembre 8 novembre e 14 – 31 dicembre.
1917 Debeli Vrh 1 – 4 gennaio
1917 Monte Baldo 23 febbraio – 4 giugno
1917 Monte Zevio 9 . 21 giugno e 9 – 21 giugno
1917 Vallone di Doberdò 22 luglio – 20 settembre
1917 Ripiegamento e Piave 27 ottobre – 18 dicembre
1918 Piave – 24 gennaio 14 giugno
1918 battaglia del Piave 15 – 20 giugno
1918 Monte Pasubio 15 agosto – 30 settembre.

Dal 24 gennaio al 20 febbraio Piave, sottosettore Gradenigo, poste di S. Donà del Piave, Musile, Paludello, Colle Di Rosa.
Dal 14 marzo al 20 giugno Piave (sottosettore C. Gradenigo, ponte di S. Donà del Piave, Musile, Paludello, Colle Di Rosa = Battaglia del Piave
Dal 15 agosto al 30 settembre Settore Monte Pasubio.
Dal 1° ottobre al 4 novembre Schio, Magrè, Liviera. Trasferimento: Camposanpiero, Palazzo Giustiniani, Curtarolo (pressi Campodarsego), Vedelago, Salvatronda, Ospedaletto, Torreselle.

In zona di riposo:
Dal 1° al 23 gennaio Carbonera, Meolo, Casale sul Sile.
Dal 21 febbraio al 13 marzo Melma, Pozzetto, Lughignano.
Dal 21 giugno al 14 agosto Altino, Palazzo Prina, Carpenedo, Favaro Veneto. Trasferimento: Mestre, Motta, Coldogno, Cresole, Altavilla, Tavernelle.
Dal 1° ottobre al 4 novembre Schio, Magrè, Liviera. Trasferimento: Camposanpiero, Palazzo Giustiniani, Curtarolo (pressi Campodarsego), Vedelago, Salvatronda, Ospedaletto, Torreselle

Post prima guerra – Zone Occupazione

1918/19: dall’5.11.1918 al 31.8.1919. in zona di occupazione, alle dipendenze della 3^ Armata, XIV C.A. fino alla data del suo scioglimento, il 31.8.19 nella zona di Capodistria. La posta militare 92 funziona fino al 5.9.1919 e la PM 92 A fino al 7.9.1919.

LA POSTA MILITARE ADOPERATA DURANTE LA 1^ GUERRA

DIPENDENZA

DATE

POSTA MILITARE

26^ DIVISIONE

24.5.15 14.3.16

Posta Militare 26^ Divisione

19^ DIVISIONE

25.4.16 9.6.16

Posta Militare 19^ Divisione

20^ DIVISIONE

11.6.16 9.8.16

Posta Militare 20^ Divisione

VII CORPO AARMATA

14.9.16 9.1.17 (1)

Posta Militare 7 Corpo Armata

16^ DIVISIONE

28.9.16 9.11.16

Posta Militare 16^ Divisione

16^ DIVISIONE

13.12.16 9.1.17

Posta Militare 16^ Divisione

13^ DIVISIONE

21.2.17 9.7.17

Posta Militare 13^ Divisione

27^ DIVISIONE

12.7.17 9.8.17

Posta Militare 27^ Divisione (2)

27^ DIVISIONE

 

Posta Militare 41 (3)

45^ DIVISIONE

12.7.17 17.7.17

Posta Militare 45^ Divisione (4)

16^ DIVISIONE

10.8.17 23.8.17

Posta Militare 58

68^ DIVISIONE

22.8.17 24.8.17

Posta Militare 107

61^ DIVISIONE

24.8.17 31.8.17

Posta Militare 97

2^ DIVISIONE

30.8.17 25.9.17

Posta Militare 52

27^ DIVISIONE

21.9.17 25.9.17

Posta Militare 41

21^ DIVISIONE

22.9.17 16.10.17

Posta Militare 46

4^ DIVISIONE

26.10.17 30.10.17

Posta Militare 21

28^ DIVISIONE

1.11.17 18.12.17

Posta Militare 63 (5)

28^ DIVISIONE

 

Posta Militare 28^ Divisione (6)

4^ DIVISIONE

20.12.17 15.1.18

Posta Militare 4^ Divisione

61^ DIVISIONE (1)

22.1.18 13.2.18

Posta Militare 61^ Divisione (7) (8)

61^ DIVISIONE

15.3.18 31.7.19

Posta Militare 92 (8)

(1) Dal 25.1.18 al 2.2.18 fa parte del XXIII Corpo d’Armata probabilmente dipendenza tattica.
(2) Usa questo bollo fino al 31.7.17
(3) Utilizza questo bollo dall’1.8.17.
(4) probabilmente dipendenza tattica.
(5) Bollo adoperato fino al 16.11.17.
(6) Bollo adoperato dal 17.11.17.
(7) Bollo adoperato fino al 31.1.18
(8) Bollo adoperato dall’1.2.18.

Cartolina franchigia militare spedita da militare del 146° Reggimento, Brigata Catania, che adopera la posta militare zona Carnia in data 24.9.15. La Brigata era in forza alla 26^ Divisione, a disposizione del Comando Supremo

Busta affrancata cent. 20 spedita da militare del 146 Reggimento, della Brigata Catania, che adopera la posta militare 92 in data 7.11.18, assegnata alla 61^ Divisione da cui la Brigata dipendeva. Probabilmente già dislocata a Pirano (Slovenia), il cui ufficio postale si insediò nella località il giorno dopo

Cartolina Postale 10 heller soprastampata Regno d’Italia / Venezia Giulia / 3.11.18 spedita da militare del 146° Reggimento della Brigata Catania, il quale adopera l’ufficio postale civile di Albona (Istria). La Brigata era dipendente dalla 61^ Divisione

Cartolina Postale 10 heller soprastampata Regno d’Italia / Venezia Giulia / 3.11.18 spedita da militare del 146° Reggimento della Brigata Catania, con l’annullo della posta militare 92 in data 21.12.18

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori