Torna alla Posta Militare

Torna alle Brigate di fanteria



tutti gli articoli di G.Marchese

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori
Brigata Alessandria
di Giuseppe Marchese
Cartolina reggimentale della Brigata Alessandria con l’annullo della posta militare della 46^ Divisione da cui la Brigata dipendeva. Sono citati le azioni in cui la Brigata fu coinvolta. La Cartolina può essere datata alla fine del 1916 in quanto mancano i fatti d’arme del 1917

Costituita il 1° marzo 1915 coi Reggimenti: 155° 156°. Sciolta nel novembre 1917.
Fatti d’arme:
Prima guerra 1915/18.

1915: dal 20 luglio combattimenti di Bosco Cappuccio, Bosco Lancia, Monte San Michele, dove subisce pesanti perdite. Nell’agosto- ottobre vari attacchi sul fronte San Martino, San Michele (Cima 4), nel settore della 3^ Armata.
1916: Nel maggio vari scontri su Cima Portule-Cima Undici, nel settore della 1^ Armata. Nel luglio rasferita nel settore della 3^ Armata con azioni verso Monfalcone, Debeli.
1917: il 21 gennaio è destinata nel Vodil-Dolje, dove rimane fino alle vicende di Caporetto.

LA POSTA MILITARE ADOPERATA DURANTE LA 1^ GUERRA

DIPENDENZA

DATE

POSTA MILITARE

30^ DIVISIONE

24.5.15 29.5.16 (1) (2)

Posta Militare 30^ Divisione

34^ DIVISIONE

21.5.16 31.5.16

Posta Militare 34^ Divisione

20^ DIVISIONE (T)

29.5.16 30.5.16

Posta Militare 20^ Divisione

19^ DIVISIONE

10.6.16 3.7.16

Posta Militare 19^ Divisione

14^ DIVISIONE

8.7.16 24.9.16

Posta Militare 14^ Divisione

28^ DIVISIONE

28.9.16 15.10.16

Posta Militare 28^ Divisione

34^ DIVISIONE

22.10.16 9.11.16 (3) (4)

Posta Militare 34^ Divisione

46^ DIVISIONE

19.1.17 23.10.17

Posta Militare 46^ Divisione (5)

46^ DIVISIONE

19.1.17 23.10.17

Posta Militare 82 (6)

60^ DIVISIONE

6.11.17 8.11.17

Posta Militare 96

(1) dal 4.8 al 25.9.15 il 156° fa parte della 30^ divisione
(2) eccetto il periodo dal 12.7 al 25.9.15
(3) dal 15.10 al 2.11.16 il 155° fa parte della 47^
(4) Eccetto il periodo dal 10.11 al 10.12.16.
(5) usa questo bollo fino al 31.7.17.
(6) usa questo bollo dall’1.8.17

 

CAMPAGNE DI GUERRA E FATTI D'ARME - PRIMA MONDIALE (1915/18)

1915: trasferita sulla fronte Isontina il 20 luglio entra in azione e riceve il battesimo del fuoco con i reggimenti alle dipendenze della 228 e 21 Divisione. Combattono valorosamente a Bosco Cappuccio, a Bosco Lancia e sul Monte San Michele subendo numerose perdite.

L'11 agosto la brigata, riassunti i propri reggimend, ha il compito di difendere il settore di destra della 30 Divisione e qui combatte ogni giorno per trattenere il nemico e per impadronirsi d i nuove posizioni. Dopo varie operazioni il 19 è completata l'occupazione del boschetto rettangolare a nord della strada di S. Martino. I suoi reparti puntano nuovamente verso la Sella di S. Martino contro la quale vengono sferrati nuovi e numerosi attacchi e qualche pattuglia riesce a raggiungere l'obiettivo che non può tuttavia mantenere. Dal 6 al 13 settembre l'a Alessandria è nuovamente tutta in linea sul fronte S. Mardno- S. Michele dove rimane fino al 25 settembre quando viene sostituita dalla Piacenza. Nuovamente in linea il 6 ottobre, il 9 inizia Il movimento dei suoi reparti che si preparano all'attacco e alcune nuove posizioni vengono acquisite nei giorni successivi contro la Cima 4 del M. San Michele; un trincerone avversario viene occupato e il 21, sferratasi l'offensiva, il 155 deve occuparsi della cresta S. Martino - S. Michele mentre il 156° deve aggirare le posizioni avversarie situate nella conca di S. Michele. Le prime ondate conseguono successi notevoli anche se non tutti gli obiettivi vengono raggiunti: la cattura di oltre mille prigionieri sono la testimonianza dell'impegno della brigata nelle operazioni. il 22 ottobre l'azione viene ripresa e Cima 4 cade con la cattura di 400 prigionieri mentre il 155° completa l'occupazione del trincerone facendo altri 500 prigionieri; superata l'ultima trincea sotto la cresta del S. Martino - S. Michele (600 prigionieri) gli uomini si attestano sulle nuove posizioni ma debbono sostenere tre violenti contrattacchi avversari. Dopo un periodo di riposo il 2 novembre è nuovamente in linea per riprendere l'attacco e numerosi sono gli scontri a fuoco per il mantenimento o il miglioramento delle posizioni acquisite. In queste due fasi delle operazioni la brigata ha perduto 78 ufficiali e 1.877 soldati.

Dal 20 luglio al 24 agosto Monte Fortin – Filanda di Sdraussina – Bosco Cappuccio – S. Michele – quota 170 S. Martino del Carso – Boschetto rettangolare
Dal 6 al 24 settembre S. Martino del Carso – S. Michele
Dal 6 al 24 ottobre S. Martino del Carso – S. Michele Cima 4 – Trincee “ferro di cavallo” e “cassa da morto”
Dal 2 novembre al 31 dicembre S. Martino del Carso – S. Michele, Cima 4 – Monte Fortin (Mocchetta, Mainizza

1916: da gennaio a marzo solo il 155° è in linea sul fronte Monte Fortin - Mocchetta - Mainizza. Iniziatasi l'offensiva austriaca nel Trentino la brigata, il 22 maggio occupa la linea M. Mosciagh - M . Meatta - Bocchetta di Portule - Cima Portule-Cima Undici. Fino al 27 maggio si combatte con alterne vicende per il mantenimento delle posizioni. Dal 4 luglio al 24 settembre è in linea nel settore di Monfalcone e il 4 agosto, sferratasi l'offensiva, la Alessandria vi concorre destinando le sue truppe alle colonne attaccanti. Le prime ondate raggiungono q. 81 e 121 catturandone parte dei difensori. il 6 l'azione è ripresa con alterne vicende: piij volte gli uomini raggiungono gli obiettivi ma sono poi costretti a ripiegare sotto il peso dei contrattacchi avversari. L '11 l'azione è sospesa in attesa che le truppe impegnate sul Debeli raggiungano i propri obiettivi; il 12 le due quote citate vengono finalmente occupate e, il 14, la brigata punta alla conquista delle q. 77 e 57: la prima è raggiunta il 15, ma lo stesso giorno debbono essere sgomberate per la reazione avversaria. Richiamata sul Carso, il 16 ottobre è in linea sul fronte di Ferleti e Nova Vas e il 1° novembre inizia un'azione contro il Lukatic ed il Versic; il 2 sono raggiunte alcune trincee nemiche che debbono comunque essere abbandonate. Dopo un periodo di riposo, torna in linea il 26 dicembre.

Dal 1° gennaio al 3 marzo S. Martino – S. Michele – Monte Fortin
Dal 21 al 27 maggio Cima Manderiolo – Porta Manazzo – Bosco Varagna – Monte Mosciagh – Cima Portule – Monte Cucco – Val Galmarara
Dal 4 luglio al 24 settembre (settore di Monfalcone) linea tra “la mandria” e pendici su ovest di quote 121 – quota 85 – trincea “poggio delle guercie” – quote 89 – 108
Dal 16 ottobre al 29 novembre zona Ferleti – Nova Vas – quota 208 nord – Lukatic – Versic.
Dal 27 al 31 dicembre settore Lukatic, Doberdò

1917: rilevata in linea il 10 gennaio, il 21 è destinata sul fronte Vodil - Dolje dove rimane fino all'offensiva nemica di Caporetto. In questo settore svolge intensa attività di pattuglia che porta a conclusione numerosi colpi di mano. Coinvolta nell'offensiva austro – tedesca il 24 ottobre 1' Alessandria oppone una tenace resistenza ma non può contenere le forti colonne avanzanti e subisce molte perdite. Raccolti a Nimis i suoi superstiti ripiega a Gajo fino a raggiungere la zona dove verrà disciolta.

Dal 1° al 7 gennaio settore Lukatic – Doberdò
Dal 17 gennaio al 5 novembre (Regione di Timino) Monte Mrzli – Dolje – Monte Vodil – Gabrije – quota 600 – Offensiva austriaca Ripiegamento Nimis – Gajo (destra Tagliamento) – S. Lucia di Piave.Dal 1° al 7 gennaio settore Lukatic – Doberdò
Dal 17 gennaio al 5 novembre (Regione di Tlmino) Monte Mrzli – Dolje – Monte Vodil – Gabrije – quota 600 – Offensiva austriaca Ripiegamento Nimis – Gajo (destra ragliamento) – S. Lucia di Piave.
- Dal 6 al 18 novembre (trasferimento) Bolzonella – Curtarolo – Vaccarino – Ponte di Barbarano – zona di Spessa – Legnago – Cerea – Bololone

SERVIZI PRESTATI
IN LINEA
IN ZONA DI RIPOSO (lavoro, trasferimenti, altro)

Anno 1915
Dal 20 luglio al 24 agosto Monte Fortin – Filanda di Sdraussina – Bosco Cappuccio – S. Michele – quota 170 S. Martino del Carso – Boschetto rettangolare
Dal 6 al 24 settembre S. Martino del Carso – S. Michele
Dal 6 al 24 ottobre S. Martino del Carso – S. Michele Cima 4 – Trincee “ferro di cavallo” e 2cassa da morto”
Dal 2 novembre al 31 dicembre S. Martino del Carso – S. Michele, Cima 4 – Monte Fortin (Mocchetta, Mainizza

Anno 1916
Dal 1° gennaio al 3 marzo S. Martino – S. Michele – Monte Fortin
Dal 21 al 27 maggio Cima Manderiolo – Porta Manazzo – Bosco Varagna – Monte Mosciagh – Cima Portule – Monte Cucco – Val Galmarara
Dal 4 luglio al 24 settembre (settore di Monfalcone) linea tra “la mandria” e pendici su ovest di quote 121 – quota 85 – trincea “poggio delle guercie” – quote 89 – 108
Dal 16 ottobre al 29 novembre zona Ferleti – Nova Vas – quota 208 nord – Lukatic – Versic.
Dal 27 al 31 dicembre settore Lukatic, Doberdò

Anno 1917
Dal 1° al 7 gennaio settore Lukatic – Doberdò
Dal 17 gennaio al 5 novembre (Regione di Tlmino) Monte Mrzli – Dolje – Monte Vodil – Gabrije – quota 600 – Offensiva austriaca Ripiegamento Nimis – Gajo (destra ragliamento) – S. Lucia di Piave.
Dal 6 al 18 novembre (trasferimento) Bolzonella – Curtarolo – Vaccarino – Ponte di Barbarano – zona di Spessa – Legnago – Cerea – Bololone

Anno 1915
Dal 24 maggio al 19 luglio Alessandria – Pavia – Lonato – Desenzano – Cormons – Brazzano – S. Rocco di Brazzano – Tapogliano – Campolongo – Zona da Versa e ponte sul Torre
Dal 25 agosto al 5 settembre Versa – Medea
Dal 25 settembre al 5 ottobre Romans
Dal 25 ottobre al 1° Novembre Mariano


Anno 1916
Dal 4 marzo al 20 maggio Romans – Percotto – Salvuzzis – S. Stefano – Staranzano – Pieris – Cassegliano – Chiopris – Medeuzza – Trivignano – Melarolo. Trasferimento a Porpetto – S. Giorgio di Nogaro – Treviso – Vicenza – Breganze – Asiago
Dal 28 maggio al 3 luglio Breganze – S. Romano – Schiavon – Levà – Piovene – Villafranca Padovana. Trasferimento a Cittadella – Cervignano – Castion di Muro – Villa Codis – Muscoli – S. Popo – Staranzano
Dal 30 novembre al 26 dicembre a Polazzo – Castion du Mure – Aiello, Strassoldo

Anno 1917
Dal 8 al 16 gennaio Remanzacco – Orzano – Selvis – Molino di Porpetto Trasferimento Brischis – Ladra
Dal 6 al 18 novembre (trasferimento) Bolzonella – Curtarolo – Vaccarino – Ponte di Barbarano – zona di Spessa – Legnago – Cerea – Bololone


Cartolina di franchigia con annullo della posta militare 77 in data 31.8.17. La Brigata dipendeva dalla 46^ Divisione.
Si sono riscontrati documenti, come il presente, provenienti dalla Posta Militare 77 assegnata alla 50^ Divisione.
E’ possibile che pur non menzionata si tratti di una dipendenza tattica o dell’intera Brigata oppure del solo 156° Reggimento.
Le due Divisione, 46^ e 50^ operavano insieme nel IV Corpo d’Armata, nella 2^ Armata

Cartolina di franchigia con annullo della Posta Militare della 30^ Divisione in data 19.11.1915.
Nel testo si comunica al Sindaco di Iolanda di Savoia (Ferrara) della morte avvenuta il 22 ottobre, durante la battaglia del 21 / 23 ottobre 1915, sul Monte San Michele

Lettera affrancata cent. 20 con annullo della Posta Militare della 46^ Divisione del 29.7.1917. La Brigata Arezzo rimase alle dipendenze della 46^ Divisione dal gennaio 1917 al 23 ottobre 1917.
Il 24 ottobre venne direttamente coinvolta nell’offensiva austro – tedesca e la sera dello stesso giorno si considerata dispersa.
Per questi fatti la Brigata Alessandria viene sciolta l’8 novembre 1917

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori