Torna alla Posta Militare

Torna alle Brigate di fanteria

 

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori
Brigata Arno
di Giuseppe Marchese
Cartolina reggimentale del 214° Reggimento della Brigata Arno
Cartolina reggimentale con piccola illustrazione del 213° Reggimento della Brigata Arno



Costituita il 18 marzo 1916 con i Reggimenti: 213° 214°. Sciolta nel novembre 1917.

Fatti d’arme:
Prima guerra 1915/18.
1916: In Marzo dislocata in Albania con compiti di manutenzione lavori stradali. Nel Giugno rimpatria e viene inviata a Castelfranco Veneto. Il 25 giugno opera nei settori Bivio Boscon, Casera Magnaboschi, Monte Rasta. L’11 luglio con la 29^ Divisione presidia Roccolo del Lino.
1917: l’8 e 9 giugno il 213° si sposta a Grotta del lago e il 214° a Mitterwald; questo reparto partecipa a una azione su Monte Forno, il 19 giugno Monte Cucco e infine Monte Colombara. L’11 luglio tutta la Brigata si riunisce a Valstagna, Sdraussina. In seguito alle dipendenze del VIII C.A. presidia Gorizia e inizia un’azione verso Monte San Gabriele. In settembre dipende dalla 3^ Divisione dislocandosi sul Monte Piatto – Monte Kuk, Castel del Monte – San Nicolò. All’inizio dell’offensiva la Brigata ripiega e il 29 ottobre passa il Tagliamento. Chiusa il 30 a Istrago.

CAMPAGNE DI GUERRA E FATTI D'ARME PRIMA MONDIALE (1915-18)

1916: dopo aver disimpegnato in Albania compiti di lavori stradali e sistemazioni difensive la brigata nel giugno è rimpatriata ed inviata a Castelfranco Veneto; quindi, per successivi spostamenti, un suo reparto rileva quelli della Lombardia in prima linea mentre l'altro rimane a disposizione del comando della 30 Divisione che ne impiega alcuni battaglioni a Bivio Boscon e Casera Magnaboschi dove si distinguono nel corso della controffensiva subendo rilevanti perdite. il 25 giugno, avuto sentore che il nemico si accinge a sgombrare le sue posizioni da Magnaboschi a M . Lemerle, la Arno riceve l'ordine di occupare la linea Mose - Pennar, spingendosi poi verso Asiago. L'avanzata è contrastata duramente dall'avversario che impegna gli uomini della brigata in continui scontri a fuoco. Dopo un breve periodo di riordinamento l'azione è ripresa e la Brigata Arno riceve l'ordine di irrompere di sorpresa nelle posizioni nemiche di M . Rasta in direzione di Capitello H o l .
I reparti della brigata iniziano l'avanzata che viene più tardi sospesa a causa delle difficoltà incontrate dalle unità laterali. L'8 luglio la Arno riprende le sue posizioni di Camporovere e di Asiago. L '11 luglio la brigata asseconda il movimento della 29 Divisione contro Roccolo del Lino. In agosto, dopo essere stata impegnata in linea e dopo un breve periodo di riposo, la brigata è incaricata di occupare M. Interrotto, obiettivo che non viene raggiunto a causa della reazione avversaria e l'attività della brigata si limita all'invio di pattuglie e ad una assidua sorveglianza della prima linea. Fino al termine dell'anno i reparti della Arno si alternano con periodi di linea e turni di riposo, durante i quali procedono a lavori di rafforzamento delle opere arretrate.

Anno 1916
Dal 16 giugno al 16 agosto Altopiano di Asiaqo – Costanza (Mosca – Meltar – Quota 1071 – Bivio Moscon – Casera Magnaboschi – Pendici Monte Lemerle e Monte Magnabosci Pendici Monte Lemerle e Monte Magnaboschi – Monte Sprunch – Villa dal Brun – Altura di Zocchi – Asiago – Camporovere – quota 1830 – Monte Rasta – Rotabile di Monte Interrotto.

Dal 6 al 22 settembre (Pendici Monte Colombara – Malga Bosco Secco).

Dal 18 ottobre al 31 Dicembre (Monte Palo – Monte Forno – pendici Monte Colombara)

1917: in febbraio il fronte affidato alla brigata viene esteso verso nord da Pozza della Terra Nera fino ai ruderi e fino a giugno continua nella normale attività. L'8 e il 9 giugno in vista dell'azione su Monte Forno il 213° si ammassa a Grotta del Lago e il 214° a Miterwald; il 10, iniziatosi l'attacco, i reparti d'assalto della brigata si slanciano contro le linee avversarie superando due ordini di trincee. La nebbia e la reazione nemica impediscono ulteriori progressi per cui si provvede al rafforzamento delle posizioni acquisite. Le perdite ammontano a 14 ufficiali e 331 uomini di truppa. Il 19 l'azione è ripresa e vengono particolarmente impegnati gli uomini del 214° che vedono infranto ogni loro ardimento dal tiro delle mitragliatrici di M . Forno e da quello dell'artiglieria che imperversa da Monte Cucco, M. Chiesa, da Corno di Campo Bianco e da M. Colombara. Il giorno 11 luglio tutta la brigata è riunita nella regione di Foza e passa alle dipendenze della 21* Divisione. il 13 si trasferisce a Valstagna e quindi per S. Giovanni di Manzano si porta a Sdraussina. Tra il 21 e il 22 sostituisce la Pallanza sul fronte compreso tra la dolina Torrente e quella di Bra. Rilevata successivamente da altre brigate è trasferita a Gorizia quale riserva dell’VIII Corpo d'Armata. Assegnata all'11 Divisione riceve il compito di proseguire l'azione per la conquista del Monte San Gabriele. Il 31 hanno inizio le operazioni ed il 4 settembre la colonna centrale della brigata raggiunge la vetta del monte e vi si afferma; le colonne laterali incontrano invece una maggiore resistenza e la reazione nemica obbliga anche la colonna centrale a ripiegare dalle pendici orientali mantenendosi però e rafforzandosi sul margine tattico del S. Gabriele. Fino al 6 la brigata resiste ai furiosi contrattacchi, consolida le posizioni acquisite e concorre con qualche reparto alle operazioni che altre unità compiono verso S. Caterina. L'accanita lotta sostenuta mentre procura alla brigata la conquista di importanti posizioni e la cattura di molti prigionieri e di abbondante bottino di guerra, le cagiona la perdita di 84 ufficiali e 1.982 soldati. il 7 settembre è inviata a Pradis per riordinarsi e riposare. Passata alle dipendenze della 3 Divisione riceve il compito di difendere, all'inizio dell'offensiva nemica, la linea del Kolovrat tra Monte Piatto e Monte Kuk. Incalzata dalle soverchianti forze avversarie la Arno ripiega occupando prima un tratto della dorsale del Monte San Martino e più tardi la linea interposta fra Castel del Monte c San Nicolò. Il 28 i resti della brigata, sospinti dall'aumentata pressione nemica, ripiegano a Borgo S. Gottardo e il 29 passano il Tagliamento diretti a Istrago.

Anno 1917
Dal 1° al 5 gennaio pendici Monte Colombara – Malga Bosco Secco.
Dal 6 febbraio al 3 aprile (pendici Monte Colombara – Malga Bosco Secco – Casare le Buse – Giaron – Pozza della Terra Nera – “Ruderi”.
Dal 2 Fiugno all’8 luglio (Monte Pozze, “Ruderi” – Monte Forno – Grotta del Lago).
Dal 22 luglio al 14 agosto (Vallone (Dolina “Pozzo” – Dolina “Toscana” – Dentino sud del Dosso Fajti – Dolina “Bra”).

Dal 20 agosto al 6 settembre (Pemdici Veliki Hrib – Sella di Dol – Monte S. Gabriele – Quote 552-646)
Dal 20 ottobre al 21 novembre (Vallone sud di Kras – Monte Piatto – Monte Podklabuc – Monte Uplatamac – Casoni Solarje – Monte la Cima – Monte Kolovrat (quota 1118, Monte Nachnoi, quota 1000, Monte S. Martino, Castel Madonna del Monte, S. Niccolò, Borgo S. Gottardo – linea di difesa sulla destra del Torre – Passaggio del Tagliamento (Ponte della Delizia) – Istrago.

 


SERVIZI PRESTATI
IN LINEA IN ZONA DI RIPOSO (lavoro, trasferimenti, altro)

Anno 1916
Dal 16 giugno al 16 agosto Altopiano di Asiaqo – Costanza (Mosca – Meltar – Quota 1071 – Bivio Moscon – Casera Magnaboschi – Pendici Monte Lemerle e Monte Magnabosci Pendici Monte Lemerle e Monte Nagnaboschi – Monte Sprunch – Villa dal Brun – Altura di Zocchi – Asiago – Camporovere – quota 1830 – Monte Rasta – Rotabile di Monte Interrotto.

Dal 6 al 22 settembre (Pendici Monte Colombara – Malga Bosco Secco).

Dal 18 ottobre al 31 Dicembre (Monte Palo – Monte Forno – pendici Monte Colombara)


Anno 1917
Dal 1° al 5 gennaio pendici Monte Colombara – Malga Bosco Secco.

Dal 6 febbraio al 3 aprile (pendici Monte Colombara – Malga Bosco Secco – Casare le Buse – Giaron – Pozza della Terra Nera – “Ruderi”.

Dal 2 Fiugno all’8 luglio (Monte Pozze, “Ruderi” – Monte Forno – Grotta del Lago).

Dal 22 luglio al 14 agosto (Vallone (Dolina “Pozzo” – Dolina “Toscana” – Dentino sud del Dosso Fajti – Dolina “Bra”).

Dal 20 agosto al 6 settembre (Pemdici Veliki Hrib – Sella di Dol – Monte S. Gabriele – Quote 552-646)

Dal 20 ottobre al 21 novembre (Vallone sud di Kras – Monte Piatto – Monte Podklabuc – Monte Uplatamac – Casoni Solarje – Monte la Cima – Monte Kolovrat (quota 1118, Monte Nachnoi, quota 1000, Monte S. Martino, Castel Madonna del Monte, S. Niccolò, Borgo S. Gottardo – linea di difesa sulla destra del Torre – Passaggio del Tagliamento (Ponte della Delizia) – Istrago.

Anno 1916
Dll 18 marzo al l5 giugno trasferimento in Albania: Taranto, Valona, Babica, Ponte Brasovica, Penkova, Treblova, Lapaj = Trasferimento sulla fronte italo – austriaca: Valona, Taranto, Castelfranco Veneto, S. Giorgio di Brenta, Marostica, Mosca, Osteria Fontanella.

Dal 17 agosto al 5 settembre (Valle di Campomulo – Pagariok – Campo delle Doghe)

Dal 23 settembre al 17 ottobre (Campofilone – Campo delle Doghe)



Anno 1917
Dal 6 gennaio al 5 febbraio (Campo delle Doghe – Campofilone – Enego – Pagarlok).

Dal 4 aprile al 1° giugno (Campofilone – Roccolo di Fiara – Piana delle Doghe – Enego – Solagna – Primolano).

Dal 9 al 21 luglio (Campo delle Doghe – Foza – Gavelle – Lazzaretto. Trasferimento: Valstagna – D. Giovanni di Manzano – Sdraussina).

Dal 15 al 19 agosto (Sdraussina – Padris Lucinino – Gorizia).

Dal 7 settembre al 19 ottobre (Pradis – Cosana – Clabuzzaro – Ruchin).


LA POSTA MILITARE ADOPERATA DURANTE LA 1^ GUERRA

DIPENDENZA

DATE

POSTA MILITARE

43^ DIVISIONE

10.3.16 – 14.6.16

Posta Militare 43^ Divisione

28^ DIVISIONE (1)

13.6.16 – 8.9.16

Posta Militare 28^ Divisione

29^ DIVISIONE

10.9.16 – 9.7.17 (2)

Posta Militare 29^ Divisione

XX CORPO D’ARMATA

21.5.17 – 7.6.17 (3)

Posta Militare 20° Corpo d’Armata

58^ DIVISIONE

21.7.17 – 20.8.17

Posta Militare 58^ Divisione (4)

58^ DIVISIONE

21.7.17 – 20.8.17

Posta Militare 93 (5)

69^ DIVISIONE

15.8.17 – 22.8.17

Posta Militare 108

67^ DIVISIONE

9.9.17 – 15.9.17

Posta Militare 105

3^ DIVISIONE

16.9.17 – 30.10.17

Posta Militare 20

(1) In giugno un Reggimento, non identificato, viene assegnato alla 30^ Divisione.
(2) Incerta l’attribuzione dell’Unità dal 21.5.17.
(3) Dal 21.5.17 al 7.6.17 fa parte del XX Corpo d’Armata probabilmente dipendenza tattica.
(4) Bollo adoperato fino al 31.7.1917.
(5) Bollo adoperato dall’1.8.1917

 

Cartolina di franchigia spedita da militare del 214 Reggimento, Brigata Arno, con annullo della Posta Militare * Albania N. 3 in data 21.4.16. La Brigata era stata distaccata in Albania fino al Maggio del 1916

Cartolina di franchigia spedita da militare del 214 Reggimento della Brigata Arno con annullo della posta militare 20 in data 26.10.17 della 3^ Divisione, durante la ritirata dall’Isonzo al Piave

Retro della prima Cartolina reggimentale con annullo della posta militare della 29^ Divisione il 15.3.17

Retro della seconda cartolina reggimentale, stampata nel periodo di permanenza in Albania, per come si nota nell’indirizzo stampato

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori