>>> i francesi in Italia

>>> Le tariffe

>>> S. P. del Regno Lombardo Veneto

>>> S. P. del Ducato di Modena

>>> S. P. del Ducato di Parma

>>> S. P. dello Stato Pontificio

>>> S. P. delle Romagne

>>> S. P. della Toscana
>>> S. P. del Regno di Sardegna

>>> S. P. del Regno delle due Sicilie

>>> S. P. del Regno d'Italia

>>> Luogotenenza

>>> S. P. della Repubblica Italiana

>>> Posta Transatlantica

>>> Posta Militare

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori

storia postale del ducato di Parma

le domande dei lettori
 
non sono esperto di Posta antichi Stati Italiani, ho trovato questa lettera che parte da Parma il 5 aprile 1858, per un Avvocato di Milano, arriva il 6-aprile: al retro c'è il sigillo intatto della DUCHESSA DI PARMA, e scrive il suo segretario. Non riesco a spiegarmi:
- perché non è affrancata
- perché sul davanti la lettera è barrata da una X
- sul retro vi è un timbro rettangolare che non riesco a decifrare e capire,
grazie per la tua collaborazione,

Bruno
risponde Mario Mentaschi:

la lettera, se di 1° porto, secondo quanto previsto dalla convenzione austro italiana doveva essere affrancata con 25 centesimi in quanto Parma dista più di 10 leghe ( 75 km. circa), ma meno di 20 leghe da Milano.
Probabilmente, come testimoniato dal bollo al verso, godeva di franchigia postale essendo stata spedita dalla segreteria della duchessa reggente.
La croce al recto è una croce di convalida, al retro il bollo rettangolare della distribuzione effettuata a Milano.
   
   
   
   
   
   
   

 

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori