pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori

torna al musicalista
il musicalista
il personaggio del mese: NOVEMBRE 2023
paul lincke

IL PERSONAGGIO

Carl Emil Paul Lincke nacque a Berlino, nel quartiere di Jungfernbrücke il 7 novembre 1866. Suo padre August, di professione magistrato, era appassionato di violino e, sia pure a livello dilettantesco, suonava in diverse formazioni. Fu probabilmente lui a trasmettere al figlio l’interesse per la musica, un interesse che la madre Emilie, rimasta vedova quando Paul aveva appena cinque anni, assecondò, consentendogli di avere una formazione musicale.

Dopo la scuola primaria, Paul fu infatti inviato a terminare i suoi studi nella città di Wittenberge, dove ebbe modo di studiare il fagotto con Rudolf Kleinow ed entrare nella banda cittadina, diretta dallo stesso Kleinow; contemporaneamente imparò a suonare il corno tenore, la batteria, il piano e il violino.

In questo periodo era fortemente attratto dalla musica militare, ma la sua abilità come fagottista fece sì che gli venisse offerto un impiego nell’orchestra del Teatro Centrale di Berlino, sotto la direzione di Adolf Ernst, indirizzando la sua attività verso la musica di intrattenimento, il balletto e il vaudeville.

Dopo un breve periodo di tempo al prestigioso Ostend-Theater, il giovane ma giÓ ricercato Lincke, che nel frattempo aveva cominciato a comporre qualche canzone, ebbe modo di allargare i suoi orizzonti lavorando in alcuni dei maggiori teatri berlinesi, come il Königsstädtischen, in Alexanderplatz, il Belle-Alliance e l'Apollo Theater, in Friedrichstraße, dove nel 1897 portò sul palcoscenico la sua opera prima, la commedia in un attoVénus auf Erden.

Dopo questo primo successo Lincke lasciò Berlino per andare a perfezionarsi in quello che all’epoca era il “tempio” riconosciuto dell’operetta vaudeville, le Folies Bergère di Parigi. Al suo ritorno a Berlino, nel 1899, arrivò il successo definitivo con Frau Luna, presentata anch’essa all’Apollo Theatre e considerata la prima vera operetta di scuola berlinese.

A Frau Luna seguirono, nell’arco di poco meno di un decennio Im Reiche des Indra, Fräulein Loreley, Lysistrata e Prinzess Rosine, fino a che, ormai universalmente considerato il padre dell’operetta berlinese, Paul Lincke fu nominato direttore artistico, conduttore e compositore capo dell’Opera Comica di Berlino, dove nel periodo tra le due guerre furono messe in scena le riviste più spettacolari della capitale tedesca. Mantenne l’incarico anche dopo l'ascesa al potere del nazismo, dai cui capi (Joseph Goebbels in particolare) fu molto apprezzato.

Sfollato a Marienbad, dove rimase bloccato durante una tournée nel 1943 dopo che un bombardamento aveva distrutto la sua casa berlinese, cercò a guerra finita di ottenere dagli Alleati il permesso di tornare a Berlino. Nonostante l’interessamento di un generale americano suo ammiratore il permesso (obbligatorio nell’immediato dopoguerra) non fu tuttavia accordato, e dopo essersi trasferito prima in Baviera e poi in Bassa Sassonia Paul Lincke, ormai vecchio e malato, morì il 3 settembre 1946 a Hahnenklee, dove ancor oggi riposano le sue spoglie.

LA MELODIA

Benché il suo Berliner Luft sia considerato ufficiosamente l’inno della della città di Berlino, la musica di Paul Lincke più nota a livello mondiale è senz’altro quella della Marcia Nuziale che l’orchestra del Titanic continua a suonare durante la drammatica sequenza dell’inabissamento, nel film del 1997.

IL FRANCOBOLLO

Emesso dalla
Repubblica Federale Tedesca
il 14 agosto 1996

Yvert 1708
Dentellatura 13¼