pagina iniziale "arezzo"            le schede            gli aggiornamenti             il postalista
 
  per espresso: la posta privata del Granducato e della Toscana dipartimentale
il Per Espresso dell'aretino
di Roberto Monticini

Fino a tutto l’800 si definiva così una persona espressamente inviata a portare o recapitare una lettera. A causa del costo elevato, non era considerato un’alternativa al servizio pubblico, tanto che non rientravano nelle privativa postale “le lettere che una persona spedisce ad un’altra per mezzo di espresso” (da http://www.accademiadiposta.it/it/dizionario-postale-e-filatelico-italiano/lettera-e.html).
Quando la posta era “pressante” ed il corriere era già partito e non vi erano altri corsi giornalieri, si ricorreva a…
Pedoni e staffette espresse che andavano a piedi, coprendo anche lunghe distanze, oppure a cavallo
Il costo era maggiore del normale corso di posta
Vi ricorreva sia la pubblica amministrazione sia il privato, anche gli uffici postali e la Soprintendenza Generale della Posta di Firenze
Normalmente non compaiono segni di tassa o bolli postali sulle lettere
Non esisteva una regolamentazione, poteva pagare il mittente o il destinatario, normalmente una parte l’uno e una parte l’altro.
Pagando il destinatario vi era maggior sicurezza che il pedone consegnasse nei tempi e nei modi concordati con il mittente.

22/02/1775 – Font’a Ronco per Firenze

Non avendo avuto riscontro d’altra mia inviata a V.S.Ill.ma per la Posta di Arezzo con averci annessi altre sei attestati mi fa credere che sia andata in Sinistro, su tal dubbio riceverà questa mia per le mani di mio cugino che abita in codesta città e stà impiegato nel Monte commune, acciò le sia recapitata sicuramente e entrovi due altri due attestati simili agli altri dodici ne i quali vi è -------- di mediocre qualità.


5/5/1811 - Per espresso (privato)
Da Monte S.Savino al Commissario della Scuola Medica di Siena

… Farà dunque somma grazia di consegnare al latore della presente che sarà Lorenzo Radicchi le £ 247.6.8 che saranno ben consegnate…


21/03/1813 – con £. 3000
Arezzo per Firenze – Privata

Pel Vetturiale Angelo Guidiani vi spedisco lire tremila, in due pacchetti marcati a fuoco colla marca(?) … quali


09/11/1826 – Bibbiena per Poppi – Privata


11/05/1838 – Dal Tribunale di Arezzo al Vicario di Castiglion Fiorentino

A forma della richiesta contenuta nella stima sua del 10 maggio le ritorno mezzo del Procaccia Stornai tutte le robe pervenutemi con la di lei …

 

fonte

Pallini Giuseppe, Cronache postali del Granducato: il povero espresso, Vaccari Magazine n. 39, Vignola 2008