pagina iniziale

le rubriche

storia postale

filatelia

siti filatelici indice per autori

 

ritorna a varietÓ di Regno e di Repubblica >>> 

il Castello di Rocca Sinobalda da Lit 550 presenta delle righe bianche verticali, una delle quali taglia in verticale la seconda cifra 5 del valore.
Il Fontane d'Italia Lit 120 Gorizia ha il simbolo di L. troncato in verticale.
La Michelangiolesca da Lit 30 presente una sottile striscia bianca dall'orecchio di Sibilla Eritrea sino al termine del collo.
Infine il valore di Lit 1250 del Trentennale della Resistenza presenta una sottile linea di colore rosa che taglia il francobollo.
Questa linea Ŕ presente anche sul secondo francobolli in coppia.

Spero che le riproduzioni siano soddisfacenti.
Grazie in anticipo per un suo parere in merito.

Cordiali saluti


Giuseppe Dal Maso
 

 

risponde il perito filatelico Franco Moscadelli

 

Gentilissimo sig. Dal Maso,

le leggere righe che lei descrive sono i cosiddetti "tagli chirurgici" che si formano durante la stampa per interposizione di particelle di sporco o piccolissimi corpi estranei tra la racla che toglie gli eccessi di inchiostro ed il cilindro di stampa. Molte volte l'addetto non si accorge subito del difetto e capitano anche righe colorate su interi fogli e su intere file di francobolli.
Normalmente i tagli chirurgici leggeri come questi non vengono classificati varietÓ ma difetti occasionali. In caso di forti cambiamenti della cromia o dell'immagine si pu˛ parlare di varietÓ interessanti che molte volte vengono inserite nei cataloghi.
Per quanto riguarda il francobollo della "Rocca Sinibalda" da 550 lire serie castelli, risulterebbero delle linee bianche verticali che dalla fotografia non sembrerebbero causate dalla interposizione di corpo estraneo anche perchŔ multiple e precise. Potrebbero essere invece, anche se a video si vede poco, delle barrette verticali quelle che venivano apposte, tra la fine degli anni "80 all'inizio di "90, con il procedimento di meccanizzazione postale che "investiva" buona parte della lettera per la trasformazione del cap. E' una specie di codice a barre che in questo caso ha colpito anche il francobollo. Tali barrette dovrebbero essere fluorescenti. Il pezzo andrebbe visionato in originale.

 

Cordiali saluti,

 

Franco Moscadelli

 




 

pagina iniziale

le rubriche

storia postale

filatelia

siti filatelici indice per autori