pagina iniziale

le rubriche

storia postale

filatelia

siti filatelici indice per autori

 

          

 

 

 

 

 

 

LE ORIGINI DEL PESCE D’APRILE



Secondo la tradizione lo scherzo “ittico” collegato al primo di aprile sembra risalire al re Carlo IX.
Prima di lui, l’anno iniziava il 25 marzo e, da quel giorno fino al primo aprile (data in cui, in quel tempo, si celebrava la Pasqua), i francesi avevano abitudine di farsi dei regali per celebrare il passaggio nell’anno nuovo.
Con l'editto di Roussillon, del 9 agosto 1564, il re decise di rinviare l'inizio dell'anno al primo gennaio, certamente per allinearsi con l’anno gregoriano in uso negli altri paesi.
Per ricordare i vecchi tempi, i francesi continuarono a farsi, “per ridere”, dei regali in occasione di quel giorno che coincideva anche con la chiusura della pesca ed alcuni “plaisantins” (buontemponi) ebbero l’idea di immettere nei fiumi delle aringhe secche per deridere l'impazienza dei pescatori.
Occorre ricordare che l’inizio di aprile coincideva alla fine della Quaresima, periodo in cui i cristiani non mangiavano carne ma piuttosto del pesce.
In ogni caso, resta un giorno utile per combinare scherzi agli amici.
 

 

 

Il postalista