poisson d'Avril

 


ANCHE LA FILATELIA HA IL SUO PESCE DI APRILE

Chi ha letto su il postalista: Il padre della filatelia, la breve biografia del belga Jean-Battista Moens, il primo commerciante di francobolli, gradirà apprendere che egli fu pure l'inventore del primo filatelico pesce d'aprile.
Moens aveva sempre la facoltà di sorprendere i suoi colleghi con le ultime notizie nella sua rivista “Les Timbres-Poste illustrés”.
Ciò che lo disturbava era che il parigino Pierre Mahé copiava i suoi articoli e li pubblicava tale e quale nella rivista Timbrophile senza citarne la fonte.
Nel 1867 decise di giocare uno scherzo al suo collega.
Nella sua rivista d´aprile pubblicò una missiva indirizzata a J-B.Moens.
In quella lettera veniva informato che signor De Crack, direttore delle poste di Moresnet, una repubblica situata tra i Paesi Bassi ed il Belgio, aveva deciso l'emissione di 4 francobolli con facciali in valute differenti: 12 ct. e di 20 ct. per il Belgio e 12,5 ct e 25 ct. per la Prussia e stampati dalla società Vish e Lirva di Bruxelles.
Questa lettera era firmata da J.S.Neom.
Moens aspettò il prossimo Timbrophile con l´articolo sui nuovi francobolli di Moresnet , naturalmente senza la citazione della fonte.
Era la prova per Moens che gli articoli erano ripresi tale e senza riflettere poiché leggendolo attentamente si sarebbe capito che si trattava di un pesce d´aprile: De crack in olandese significa bugiardo, Vish = pesce, e Lirva letto all’inverso = aprile; dunque pesce d´avril.
La firma J.S.Neom, letta pure in questo senso, dà il nome di Moens J. firma da lui molto spesso usata

Gianni V. Settimo

 


le origini del pesce d'aprile


entra nel sito