Torna alla Posta Militare

Torna alle Brigate di Fanteria

 

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori
Brigata Como
di Giuseppe Marchese
Cartolina reggimentale del 24° Fanteria, Brigata Como, nuova, edita negli anni 20, con la descrizione dei fatti di guerra e delle decorazioni ottenute. La vignetta raffigura le cime del Grappa e del monte Cornella.
I due monti non sono visibili contemporaneamente dal lato sud o su-est come rappresentato, in quanto il Cornella è racchiuso tra altre cime.
Inoltre insistono su due versanti opposti, Il Grappa domina la pianura Veneta, il Cornella è situato sul lato Est del massiccio (dopo il Tomba e il Monfenera), insiste sulla valle del Piave e precisamente sopra Alano di Piave subito prima della stretta di Quero.
Il Cornella è stato teatro degli scontri durante la battaglia d'arresto (novembre-dicembre 1917) e quindi lasciato in mano austriaca.
Il Grappa invece, inteso come intero massiccio, è stato successivamente interessato dalle battaglie del solstizio (15 giugno-7 luglio 1918) e di Vittorio Veneto 24 ottobre- 4 novembre 1918.

Costituita il 1° novembre 1860 con i Reggimenti: 23° e 24°.
Sciolta nel 1926 e in seguito trasformata in Divisione di Fanteria dell’Isonzo.

Fatti d’arme, guerra mondiale 1915/18

1915: Cortina d’Ampezzo, Forame, Monte Cristallo.
1916: Monte Cristallo, Rifugio Tafana.
1917: Piave a Quero, Monte Tomba, Confedera.
1918: Papadopoli.

CAMPAGNE DI GUERRA E FATTI D‘ARME

1915: all'inizio delle ostilità la brigata è schierata in Val Boite e il 29 maggio occupa Cortina d'Ampezzo. In giugno partecipa all'azione contro le posizioni nemiche dello sbarramento di Som Pausis ed in Val Fiorenza, verso Punta del Forame e Monte Cristallo. il 19 luglio concorre all'occupazione di Monte Piana e partecipa all'attacco del rifugio Tofana. In ottobre s'impadronisce di posizioni sul Forame e sul Monte Cristallo.

1916; la brigata è ancora in Cadore ed a fine marzo, da Val Fonda, conquista la vetta del massiccio del Cristallo. A giugno opera contro le posizioni di Val d'Avisio e di Forcella Ceramana.

1917: la Como è schierata a sbarramento della Val Sesia ed i suoi reparti sono collegati con le difese della zona carnica. Resiste e respinge, fra luglio e agosto, vari tentativi di attacco portati dal nemico a Passo della Sentinella e al Seikoff. A seguito degli avvenimenti verificatisi a fine ottobre sulla fronte Giulia, la brigata abbandona le posizioni dell'Alto Cadore il 3 novembre e si porta lungo la vallata del Piave a Quero, nel tratto di saldatura fra il fiume e il Grappa ove assume il
compito di interdire al nemico la discesa lungo la Val Piave. Al termine di duri combattimenti la Como deve rettificare lo schieramento su M. Tomba e Monfenera. Per il comportamento tenuto viene citata sui bollettini di guerra n. 906 e 908.

1918: riordinata dopo le perdite subite, rimane schierata fra il Solarolo e Val Calcino e il 15 giugno subisce un attacco austriaco preceduto da lanci di gas. Nel corso dell'offensiva finale, il 27 ottobre la brigata passa il Piave a Papadopoli e nei giorni successivi supera anche il fiume Monticano; inseguendo le retroguardie nemiche il 3 novembre costituisce una testa di ponte a San Pietro di Ragogna e a San Daniele.

Post prima guerra – Zone Occupazione

Alla fine del conflitto inviata in zona di occupazione, nell’alta Valle Isonzo, alle dipendenze del XVIII C.A.

1919: dal 10.6.19 al 29.12.19 dislocata nell’Alto Isonzo a ridosso del vecchio confine. La posta militare 108 funziona fino al 29.12.1919. La Posta Militare 86 fino al 10.5.21.

LA POSTA MILITARE ADOPERATA DURANTE LA 1^ GUERRA

DIPENDENZA

DATE

POSTA MILITARE

2^ DIVISIONE

24.5.15 – 11.4.17

Posta Militare 2^ Divisione

1^ DIVISIONE

2.5.17 – 10.11.17 (1)

Posta Militare 1^ Divisione (4)

1^ DIVISIONE

 

Posta Militare 51 (5)

17^ DIVISIONE

11.11.17 – 4.12.17

Posta Militare 55 (6)

17^ DIVISIONE

 

Posta Militare 17^ Divisione (7)

18^ DIVISIONE

5.12.17 – 16.12.17

Posta Militare 18^ Divisione

56^ DIVISIONE

16.12.17 – 31.1.18 (2)

Posta Militare 56^ Divisione

13^ DIVISIONE

16.2.18 – 14.3.18

Posta Militare 50 (8)

56^ DIVISIONE

15.3.18 – 1.5.19

Posta Militare 108

37^ DIVISIONE

2.5.19 – 6.5.19

Posta Militare 180

56^ DIVISIONE

7.6.19 – 10.1.20 (3)

Posta Militare 108

45^ DIVISIONE

12.5.20 – 10.5.21

Posta Militare 86

(1) dal 22.6.16 al 14.8.16 il 23° fa parte della 17^ Divisione
(2) il solo 23° reggimento
(3) salvo il periodo 15.2.19 al 6.6.19
(4) bollo adoperato fino al 31.7.17
(5) bollo adoperato dall’1.8.17
(6) bollo in uso fino al 18.11.17.
(7) bollo adoperato dal 19.11.17
(8) può aver fatto uso di altri bolli di posta militare in Albania.

 

SERVIZI PRESTATI IN LINEA ED IN ZONA DI RIPOSO

Permanenza in linea

Permanenza in zona di riposo, lavori, trasferimenti, ecc

Anno 1915

Anno 1915

Dal 24 maggio al 31 dicembre Cadore Val Boite


 

Anno 1916

Anno 1916

Dal 1° gennaio a luglio (23° Fanteria) Cadore, Val Padola.

 

Dal 1° luglio al 31 dicembre (23° Fanteria) Alpi di Fassa, Fossernica – 24° Fanteria Cadore, Val Padola.

Dal 23 aprile al 26 maggio 23° Fanteria a Auronzo di Cadore. 24° Fanteria in Valle Anziei.

Anno 1917

Anno 1917

Dal 1° gennaio al 30 ottobre Cadore, Lavaredo, Val Padola.

Dall’ottobre al 5 dicembre Monte Tomba, Monte Grappa, Archeson.

 

Dal 20 al 31 dicembre Monte Tomba, Monte Grappa, Archeson.

Dal 6 dicembre al 19 dicembre Bassano, Fellette.

Anno 1918

Anno 1918

Dal 1° gennaio al 17 febbraio Monte Grappa, Solarolo, zona Archeson

 

Dal 14 marzo al 16 aprile Settore destro Val Calcino.

 

Dal 29 maggio al 18 luglio settore sinistro Val Calcino, Monte Solarolo, Colle dell’Orso.

 

Dal 18 agosto al 5 ottobre Monte Solarolo, Archeson, Spinoncia.

 

PERDITE BATTAGLIE

1917 24 ottobre battaglia dell’Isonzo

1918 14-24 giugno battaglia del Piave

1918 24 ottobre 4 novembre battaglia Vittorio Veneto.

Dal 18 febbraio al 13 marzo Onè

 

Dal 17 aprile al 28 maggio Altivole, Caselle sud est di Montebelluna

 

Dal 19 luglio al 17 agosto Castel di Godego (Nord ovest di Castelfranco.

 

Dal 6 ottobre al 23 ottobre nei pressi di Istrana (ovest di Treviso)

 

ILLUSTRAZIONI DELLA BRIGATA

(antecedentemente la I GM)

Piego spedito dal comando del 24° Reggimento della Brigata Como con annullo civile di Barletta 19.9.67 ad Aviano (Udine). Il 24° forse per servizio di ordine pubblico o per altro motivo, dal 1866 al 1869 fissò la sua sede a Foggia, Barletta, Bari, per poi stabilirsi a Verona.

Cartolina reggimentale del 24° Reggimento, della Brigata Como, adoperata nel 1905. Nella vignetta, oltre a stemmi, bandiere, nastrini e altri elementi decorativi, vi è l’immagine di Gaeta dove il Reggimento si distinse per l’assedio di detta località il 12 novembre 1860.

 

(nel corso della I GM)

Cartolina di franchigia spedita da militare del 23° Reggimento, della Brigata Como, con annullo della posta militare del 18° Corpo d’Armata, sezione A, in data 18.9.16. La Como era aggregata alla 2^ Divisione, a sua volta dipendente della 1^ Armata. L’Ufficio postale del XVIII Corpo, anch’esso dipendente dalla 1^ Armata, era dislocato a Fiera di Primiero, quello della 2^ a Auronzo di Cadore, distanti uno dall’altro circa 60 Km in linea d’aria. L’ufficio postale, e la dislocazione del XVIII Corpo, era più arretrato rispetto alla linea della Divisione.
La risposta del cambio dell’ufficio postale si può desumere dal testo della cartolina: “...adesso mi trovo molto distante del pericolo... sono stato otto o nove giorni proprio in prima linea a piantare i reticolati e montare di vedetta ma adesso ci hanno già dato il cambio....”

Cartolina franchigia spedita da militare del 23° Reggimento con annullo della Posta Militare 108 in data 7.3.19, assegnato alla 56^ Divisione, dislocata in zona di occupazione, nell’alta Valle Isonzo.

Cartolina reggimentale della Brigata Como contenente le fasi più salienti delle azioni della Brigata nel corso del conflitto.

 

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori