pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori
san Giovanni nel particolare della Crocifissione
di Matthias Grünewald

gli articoli più o meno apprezzati da Libero DITONE

« Qui scrive Libero Ditone, pŏēta Süsèrae,
che d'ognun disse ben, fuorché della nostra rivista,
scusandosi col dir: "Non la conosco"! »

OMO X - anno IV

Scusate l’interruzione!
(ma forse qualcuno l’avrà gradita).
Ritorno a voi dopo essere stato quasi sommerso dall’ante e post Veronam.
Non riuscirò a dirvi tutto ora perché sembra che tutto il mondo filatelico si concentri su Verona e sono parecchie le riviste ed i libri da commentare. Vi prometto che presto, forse addirittura entro il 2018, riuscirò ad aggiornarmi.
Intanto gradite da parte del vostro Ditone gli AUGURI di un Santo Natale, Buone Feste ed un Sereno Anno Nuovo.
E, per farmi perdonare dal nostro iI postalista, inizio con un commento al suo ultimo settimanale.



Il Postalista n.794 pervenuto sabato 22 dicembre 2018

Visto che sono quasi 800 i numeri che qualcuno dice avrei trascurato, dovrei cospargermi il capo di cenere o di pece ma, a dispetto di qualcuno, otterrei solo capelli più scuri ed un aspetto più giovanile. Preferisco restare col mio candore. In un clima Natalizio, un titolo non è però da tralasciare. Osservate e leggete almeno:

I miracoli del Santo Natale de il Mago Merlino
Dove, in tempo di re Magi, un saggio ci mostra incredibili pezzi miracolosi apparsi nell’immenso cielo della filatelia. Un servizio, quello di Merlino, costante e modesto, prezioso.

La “DODERO”, la compagnia degli emigranti italiani di Lorenzo Oliveri
Dove anche con le “rosse” si fa buona Storia Postale. Certe volte basta poco, ma occorre avere sensibilità. Cosa comune a chi si chiama Lorenzo?


L’Arte del Francobollo n. 86 dicembre 2018

Un bel maiale in copertina è quel che ci vuole per colpire l’attenzione di chi per tradizione fa la vigilia di Natale di magro. E senza dubbio anche i filatelisti più puri non potranno notarlo. E se qualcuno pensasse che è cosa volgare, vorrei ricordare che al centro della Padania, nella parte più bassa, il maiale era cosa di famiglia, aveva un nome, era curato personalmente dalla rasdora e ricordato perfino dai conoscenti e parenti stretti che, qualche volta, accanto agli auguri ed ai saluti ricordavano “e la daga anca an basin al gugiol”.

Fortunato chi legge di Paolo Deambrosi
Ma è solo questione di fortuna? No di certo! Ma per non essere banali, per emergere, occorre documentarsi, approfondire, leggere. Certi l’hanno capito e, incredibile!, si sono appassionati di più.

Una tragedia umana e fiumana del XX secolo di Carlo Giovanardi
La storia di un commerciante filatelico di Fiume e della sua vita travagliata durante la 1a e 2a Guerra mondiale. Per calarci nel clima della bella mostra inaugurata al Vittoriale dove i francobolli sono protagonisti.

Quando la storia postale fa rivivere il passato di Clemente Fedele
Crescente è l’interesse dei giovani universitari per la posta e le comunicazioni. Diversi cominciano, oltre al testo, a guardare anche l’indirizzo ed il modo di invio. Testimonianza ne sono le diverse tesi di laurea. E benemerita è la volontà di chi, con inconsueto atto di mecenatismo in campo filatelico, ha scelto di premiare le migliori ed ancora più strano nel nostro ambiente è che ci siano altri che intendano seguire questo esempio.


Bollettino n° 19 - novembre 2018 de l’Associazione di Storia Postale del Friuli e della Venezia Giulia

I difficili rapporti tra l’Austria e Venezia di Franco Obizzi
“Tutto iniziò nel corso del XVI secolo, quanto l’Austria decise di gestire in proprio il trasporto della posta tra Graz e Venezia” e proseguì anche dopo la caduta della Serenissima nel 1797. Articolo documentato e ben illustrato dove viene spiegato perché questi rapporti furono difficili.

Da Carlino a Bertiolo via Palma di Mario Cedolini e Marco de Biasi
Viene presentata una lettera che “ha sempre suscitato dubbi e perplessità” per la quale si avanzano ipotesi e perfino alternative alle ipotesi formulate. Una discussione libera ed aperta per ottenere che magari qualcuno fornisca una soluzione accettabile.


La Voce Scaligera - novembre 2018

Questo periodico semestrale esce in occasione dei due grandi convegni veronesi annuali. Una pubblicazione purtroppo trascurata dalla maggior parte dei frequentatori a questi raduni spesso occupati a Verona nella frenetica ricerca del pezzo mancante o della occasione imperdibile. Questa volta il notiziario dell’Associazione Filatelica Numismatica Scaligera di Verona e del Centro Studi Internazionale di Storia Postale di Pozzolengo (sulle colline del basso Garda) è ancor più ricco e corposo: 82 pagine tutte a colori e 50 (sì, sono proprio cinquanta!) articoli che coprono tutti i generi collezionistici. Non intendo dare indicazioni o fare commenti: ognuno scelga il suo.

 

VAI AI TOMI PRECENDENTI >>>
LE COPERTNE ED I SOMMARI DELLE RIVISTE >>>

pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori