pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori


 
il postalista...
...e i francesi in Italia
 
>>> I FRANCESI IN ITALIA
>>> IL REGNO D'ITALIA NAPOLEONICO
>>> I DIPARTIMENTI FRANCESI D'ITALIA
I DIPARTIMENTI FRANCESI D'ITALIA
(Départements conquis)
La continua espansione dell'Impero francese ai primi dell'ottocento provocò in fasi successive acquisizioni di territori appartenenti ai vari stati in cui in quel tempo era suddivisa l'Italia.
Detti territori divenuti a tutti gli effetti parte della Francia ne adottarono integralmente le leggi comprese quelle postali.
Vennero suddivisi in dipartimenti (départements) e questi in circondari (arrondissements), cantoni (cantons) e comuni (mairies). Per quanto riguarda l'organizzazione postale ad ogni dipartimento fu assegnato un numero. Questo compare sopra il nome dei timbri assegnati ai vari uffici postali in cui era diviso ogni dipartimento.
Primo ad essere annesso fu lo stato piemontese. Con il decreto del 2 aprile 1801 venne diviso nei seguenti dipartimenti:
104 ERIDANO (poi nominato PO)
105 STURA
106 MARENGO
107 SESIA
108 TANARO
109 DORA
con capoluogo Torino
con capoluogo Cuneo
con capoluogo Alessandria
con capoluogo Vercelli
con capoluogo Asti
con capoluogo Aosta
La successiva annessione dello stato genovese avvenuta il 6 giugno 1805 portò alla creazione dei tre dipartimenti Liguri
87 GENOVA
108 MONTENOTTE
110 APPENNINI
con capoluogo Genova
con capoluogo Savona
con capoluogo Chiavari
Il dipartimento di Montenotte assunse il numero di quello del Tanaro che venne soppresso, modificazioni vennero effettuate ai dipartimenti di Marengo e dello Stura.
I circondari del soppresso Tanaro furono così assegnati:
  Alba allo Stura
Asti a Marengo
Acqui a Montenotte
Le modificazioni territoriali portarono il circondario di Ceva appartenente allo Stura al dipartimento di Montenotte.
Dal dipartimento di Marengo vennero trasferiti a quello di Genova i circondari di Tortona, Voghera, Bobbio.

L'annessione all'impero degli stati di Parma e Piacenza nel 1808 portò con il decreto del 24 maggio alla creazione di un nuovo dipartimento che assunse la denominazione di:
111 TARO con capoluogo Parma
nello stesso giorno venivano creati anche tre dipartimenti nella Toscana allora denominata Regno di Etruria con i nomi di:
112 ARNO
113 MEDITERRANEO
114 OMBRONE
con capoluogo Firenze
con capoluogo Livorno
con capoluogo Siena
In ultimo l'annessione di parte dello stato della Chiesa nel giugno 1809 portò alla creazione di due dipartimenti soprannominati:
116 TEVERE
117 TRASIMENO
con capoluogo Roma
con capoluogo Spoleto
Tutti i dipartimenti italiani seguirono le vicende storiche dell'Impero francese. La loro soppressione ed il ritorno ai relativi stati di antica appartenenza avvenne nei primi mesi del 1814 a seguito degli avvenimenti bellici che provocarono la sconfitta di Napoleone. Fino al loro dissolvimento continuarono a seguire le leggi postali francesi.

a cura di RAFFAELE CICCARELLI


(ingrandisci passando sopra con il mouse)

GLI ARTICOLI
LE DOMANDE DEI LETTORI
 

 
 
pagina iniziale le rubriche storia postale filatelia siti filatelici indice per autori