digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

bredie
Sud Africa, 1° maggio 2004, Yvert 1292
 
torna a

Filatelia Tematica



Non uno ma cinque sono i piatti che questa volta l’allegra Brigata di Cucina del Postalista è andata per voi ad assaggiare all’estremo sud del continente africano. Ci siamo spinti infatti fino a quel capo che Bartolomeu Dias chiamò “delle Tempeste” e che fu in seguito ribattezzato, anche grazie all’epica circumnavigazione dell’Africa capitanata da Vasco de Gama, “di Buona Speranza”.

La “buona speranza”, nell’ottica di re Giovanni II del Portogallo, era quella di stabilire una rotta che facilitasse i contatti commerciali con i porti dell’Estremo Oriente, e su quella rotta presto navigarono anche inglesi e olandesi. Furono questi ultimi a stabilire una colonia nella zona del Capo, e furono sempre i coloni boeri ad importare, nei secoli successivi, mano d’opera a basso costo dalle altre colonie stabilite in Asia e in Oceania.

“Mano d’opera a basso costo”, in questo contesto è solo un eufemismo per indicare intere popolazioni ridotte in schiavitù in Indonesia e in Malesia (o in India, ma lì i “colonizzatori” erano inglesi) e trasferite forzatamente in Sud Africa per costituire una sorta di classe intermedia tra i bianchi colonizzatori e la popolazione nera locale e malgascia, trattata alla stregua di bestiame da lavoro.

Qualche secolo più tardi, in epoca post-apartheid, il governo sudafricano ha ritenuto doveroso rendere omaggio in qualche modo anche a questi popoli che, sia pure in condizioni di subalternità, hanno fatto la storia e la fortuna del Sud Africa. E il francobollo che vi presentiamo, emesso nel 2004 per la serie “Cibo Tradizionale - L’eredità degli schiavi”, è uno di questi omaggi.

I cinque piatti in esso rappresentati possono essere infatti definiti come il punto d’incontro tra le tradizioni della Malesia e dell’Indonesia (paesi dai quali provenivano quelli che oggi sono conosciuti come Cape Malay, i Malesi del Capo), le usanze dei coloni boeri (come si definiscono gli olandesi colonizzatori, insieme agli inglesi, del Sud Africa) e i sapori delle spezie africane autoctone.

Si comincia con il bredie, dal quale questo articolo prende il nome… è uno stufato di montone accompagnato da verdure di stagione, e il nome pare derivare dal creolo portoghese bredos (parlato nell’area dell’Oceano Indiano come una sorta di lingua franca) che significa appunto “verdure commestibili”: se ne conoscono almeno tre varianti, a seconda appunto delle verdure (cavolo, pomodori, patate, erbaggi misti) disponibili sul mercato.

Subito dopo vengono i sosaties, spiedini di agnello, albicocche e cipolle dolci accompagnati da svariate salse al curry: il loro nome deriva dal malese satay (spiedino) e preceduto dall’olandese saus (salsa).

Si continua con il bobotie, un pasticcio di carne di manzo piccante, insaporito da curry, chutney, cardamomo e altre spezie tipiche del subcontinente indiano… una delizia per i palati che sanno apprezzare il gusto bruciante tipico di certe pietanze indiane.

Poi, per addolcirsi la bocca, una fetta di melktert per dessert: è una torta di latte, come dice il nome olandese stesso, che non ha bisogno di essere messa in forno, presumibilmente approdata nella regione del Capo con i portoghesi e in seguito riadattata dai boeri e dai loro schiavi.

E per finire in bellezza, le koeksisters, alla lettera "sorelle dolci", dove le "sorelle" sono due strisce di pasta intrecciate tra di loro e fritte, per poi essere immerse, appena estratte dall’olio bollente, in miele o sciroppo di frutta ghiacciati.

Un menù robusto, ricco di sapori e sostanza che non poteva che soddisfare pienamente le bocche e gli stomaci della vostra affezionatissima Brigata di Cucina.

 



  Cevapcici  
  Vorí vorí  
  Polpo delle Azzorre  
  Bloška trojka  
  Bredie...  
  Mazamorra morada  
  San bei ji  
  Lavash  
  Aleatico  
  Tatar böregi  
  Cuy frito  
  Beshbarmak  
  Riso alla cantonese  
  Gianduiotto  
  Zhengyalov hats  
  Aringa affumicata  
  Cornetto di san Martino  
  Tartufo  
  Biryani  
  Bacalà alla vicentina  
  Satay  
  Tufèja  
  Locro  
  Tamales  
  Ostriche di montagna  
  Kaq'ik  
  Speck  
  Plov  
  Gaufre  
  Bean crock  
  Bougna  
  Guacamole  
  Prosecco  
  Shinseollo  
  Oscypek  
  Lapis palaro  
  Stobhach gaelach  
  Bortsch  
  Dolma  
  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica