digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

locro
Argentina, 7 giugno 2003, Michel 2826
 
torna a

Filatelia Tematica



In quechua, la lingua dell’antico popolo Inca a tutt’oggi parlata correntemente in Perù e in molte altre zone delle Ande, si chiama ruqru, e con questo nome generico si indica, nelle sue numerose varianti locali, una zuppa tipica di varie popolazioni andine, dalla Colombia fino all’Argentina.

La base, trattandosi di un piatto povero di origine precolombiana, è di solito costituita da patate, zucca gialla, mais e fagioli bianchi, che sono poi gli ingredienti di quello che è conosciuto come locro de zapallo, o più colloquialmente come hwazqalucru, che sempre in quechua significa, alla lettera, zuppa degli orfani.

La ricetta prevede la lenta cottura di patate, zucca, chicchi di mais e fagioli freschi in un soffritto di aromi vari fino ad ottenere una zuppa abbastanza densa che viene consumata in genere con l’accompagnamento di salse piccanti. A questa versione “basica” si aggiunge spesso un uovo fritto, frattaglie o interiora di carne bovina cotte alla griglia, o il charqui (che altro non è che carne essiccata, ovina o bovina) posto direttamente nella olla, il capace pentolone dove il tutto viene preparato, all’inizio della cottura per consentirne la reidratazione.

Lungo la costa peruviana non è infrequente l’aggiunta di pesci o crostacei, mentre in Ecuador si prepara lo yahuarlocro, che oltre alle interiora di pecora prevede anche l’uso del sangue (yahwar significa appunto sangue, in quechua) dello stesso animale. In Bolivia invece il ruqru andino si arricchisce di ingredienti che provengono dalla selva amazzonica, come la banana, il platano, la carne di armadillo e di volatili di vario genere, e se ne conosce addirittura una variante dolce: il locro carretero.

Ma il locro più conosciuto ai palati occidentali, e che nel suo paese è considerato addirittura un piatto nazionale, è quello argentino. Nella tradizione del paese infatti il suo consumo è associato ai festeggiamenti della Rivoluzione di Maggio, con la quale si arrivò nel 1810 alla deposizione del Viceré spagnolo e alla costituzione di una prima forma di governo autonomo dell’Argentina. Secondo alcuni storici infatti il piatto fu diffuso in tutto il paese dai gauchos che combatterono nella guerra, conosciuta appunto come Guerra Gaucha, che avrebbe portato 15 anni più tardi all’indipendenza del paese dalla Spagna.

E’ dunque un piatto invernale (siamo nell’emisfero sud), che rispetto alle versioni andine ha perso completamente l’uso della patata e molto spesso anche dei fagioli, conservando solo zucca gialla e mais, ed è particolarmente ricco di carne. Un locro argentino ben fatto prevede infatti oltre alle frattaglie di bovino e al charqui, come in Perù, anche l’uso di tagli bovini più pregiati, e di tanta carne suina: pancetta, lardo, salsicce, costine, zampetti, orecchie e cotiche di maiale.

Sono proprio questi ultimi tagli di carne suina, ricchi di tessuto connettivo e grassi, insieme all’amido del mais triturato il cui uso è tipico della ricetta argentina, a conferire a questo locro una consistenza molto densa: è il cosiddetto locro pulsudo, il più apprezzato, accompagnato invariabilmente dal quiquirimichi, una salsa piccante a base di olio, peperoncino, peperoni, cipolla verde e origano…

...e naturalmente anche da un buon bicchiere di vino rosso ben corposo, come certi Malbec dei quali è generosa produttrice la città di Mendoza.

 



  Aringa affumicata  
  Cornetto di San Martino  
  Tartufo  
  Biryani  
  Bacalà alla vicentina  
  Satay  
  Tufèja  
  Locro  
  Tamales  
  Ostriche di montagna  
  Kaq'ik  
  Speck  
  Plov  
  Gaufre  
  Bean crock  
  Bougna  
  Guacamole  
  Prosecco  
  Shinseollo  
  Oscypek  
  Lapis palaro  
  Stobhach gaelach  
  Bortsch  
  Dolma  
  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica