digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

lavash
Armenia, 29 dicembre 2017, Michel 1054
 
torna a

Filatelia Tematica



Inserito nel 2014 nella lista dei Patrimoni Immateriali dell’Umanità dell’UNESCO il lavash, il pane tipico dell’Armenia, è secondo molti storici il prodotto di una delle forme più antiche di panificazione praticate dall’uomo. Tanto antica che l’etimologia del suo nome sarebbe addirittura da ricondurre alla radice aramaica lwš, che semplicemente significa “impasto”: un impasto di acqua e farina, a volte neppure salato, che veniva lavorato fino ad ottenere una sfoglia sottile da cuocere, almeno alle origini, sulle pietre arroventate che circondavano i primi fuochi.

Di lievito, in questo pane primordiale, manco a parlarne, perché una pagnotta di un certo spessore come quelle alle quali siamo abituati oggi non poteva certo cuocere a diretto contatto con una pietra rovente, o una lastra di metallo o terracotta poste sui carboni ardenti. E’ con questo procedimento che in tutta la regione mediorientale si preparava (e si prepara) il markouk libanese, il khubz arabo, la katyrma kazaka, il naan persiano e indiano, e decine di altre varianti locali di pane, tra le quali perfino il biblico kikkar e… la piadina romagnola.

Il pane dei nostri progenitori era dunque una sfoglia piatta, e tale rimase anche dopo che i persiani introdussero l’antesignano di tutti i forni, il tanur (che in India si chiama tandoor e in Armenia tonir): un recipiente di argilla di forma conica o cilindrica il cui fondo viene riempito di carboni ardenti. Nel tandoor, al cui interno si possono raggiungere temperature di oltre 600°C, si introducono i cibi da cuocere: spiedini di carne e verdure sospesi a un paletto posto trasversalmente all’apertura superiore o pezzi di carne gettati contro le pareti interne, alle quali aderiscono grazie all’intenso calore, per una sorta di cottura “alla piastra” in verticale.

Anche il lavash, accuratamente impastato e ridotto a una sfoglia sottile, viene introdotto nel tonir e fatto aderire alle sue pareti, e per cuocerlo a puntino basta un minuto: un’operazione apparentemente semplice che però richiede una manualità e un’esperienza che le donne armene si tramandano di madre in figlia. Il risultato è una specie di “mantello” lungo anche un metro e largo una cinquantina di centimetri, soffice e fragrante, che viene poi farcito con verdure, formaggi, carne e ogni altro genere di pietanze. Quello che non viene consumato fresco viene fatto seccare, e si può conservare anche per un anno; prima del consumo occorre spezzarlo e ammorbidirlo spruzzandoci sopra un po’ d’acqua, come fanno in Sardegna con il pane carasau.

Il termine “mantello” non l’abbiamo scelto a caso, perché nei matrimoni armeni è tradizione che la madre dello sposo ponga sulle spalle della sposina un lavash sfornato di fresco come augurio di prosperità e benessere. E anche il lavash secco ha un suo uso rituale nella celebrazione eucaristica secondo la Chiesa Apostolica Armena…

Del resto anche il rito eucaristico cattolico prevede l’uso di una forma di pane azzimo, e forse è proprio ad un pane simile al lavash che si riferisce la scrittura evangelica dell’Ultima Cena: “Gesù prese il pane e lo benedisse, lo ruppe e lo diede ai discepoli dicendo: Prendete, mangiate; questo è il mio corpo” (Mt 26,26).

 



  San bei ji  
  Lavash  
  Aleatico  
  Tatar böregi  
  Cuy frito  
  Beshbarmak  
  Riso alla cantonese  
  Gianduiotto  
  Zhengyalov hats  
  Aringa affumicata  
  Cornetto di san Martino  
  Tartufo  
  Biryani  
  Bacalą alla vicentina  
  Satay  
  Tufčja  
  Locro  
  Tamales  
  Ostriche di montagna  
  Kaq'ik  
  Speck  
  Plov  
  Gaufre  
  Bean crock  
  Bougna  
  Guacamole  
  Prosecco  
  Shinseollo  
  Oscypek  
  Lapis palaro  
  Stobhach gaelach  
  Bortsch  
  Dolma  
  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflęsk  
  Mamaliga cu brānza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin ēorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu ā brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica