digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

aringa affumicata
Åland, 29 aprile 2005, Yvert 251
 
torna a

Filatelia Tematica



“Pesce Veloce Del Baltico” / dice il menu, che contorno ha? / “Torta Di Mais” e poi servono / polenta e baccalà… canta Paolo Conte; ma fuori dalle stringenti necessità della metrica e della rima, è senz’altro più probabile che il veloce pesce in questione, accompagnato sempre dalla polenta, sia non il merluzzo, ma l’aringa.

L’aringa affumicata, per essere più precisi, e per essere addirittura pignoli, l’aringa cosiddetta “da latte”, il maschio... perché quello che la tradizione popolare chiama “latte” è in realtà la sacca spermatica, la cui presenza rende l’aringa più morbida una volta cucinata. Una presenza quasi iconica sulle tavole contadine dei secoli scorsi… e proprio sulla tavola stava il nostro pesce veloce, appeso per la coda a penzolare al centro esatto della tavola sopra una bella polenta; i commensali, a turno, “tocciavano” un pezzo di polenta: in sostanza, l’intera famiglia cenava a polenta e sapore di aringa affumicata.

L’aringa era quella dorata che dal Baltico proveniva davvero, perché allora come ora le migliori aringhe vengono da questo mare interno che, chiuso a ovest dallo stretto del Kattegat, si insinua tra Polonia e Svezia fino a raggiungere Lituania, Lettonia, Estonia, Russia e Finlandia, dividendosi nei due golfi di Botnia e di Finlandia. E proprio al centro di questa diramazione sono disseminate un pugno di isolette di lingua e cultura svedese, ma ufficialmente appartenenti alla Finlandia, che peraltro garantisce loro un’ampia autonomia amministrativa.

Sono le isole Åland, nome che deriva dal proto-norreno ahvaland, terra dell’acqua, e che alle aringhe hanno dedicato un francobollo. E’ dalle loro acque che provengono le migliori bucklings del mondo: le aringhe affumicate dorate (a differenza di quelle salate, che appaiono argentee) in un lungo procedimento che prima prevede una salagione leggera e poi l’affumicatura con legno di abete e ginepro.

Un pesce nutriente e a buon mercato che si presta a diverse preparazioni sia estive che invernali. Nei mesi più freddi la sua preparazione più classica prevede un ammollo nel latte (o in mancanza, anche in acqua) per ingentilirne il sapore e poi una cottura “al cartoccio”, che una volta era un foglio di carta oleata da avvolgere intorno all’aringa per poi cuocerla sotto la cenere del focolare: una volta cotta finiva appesa al centro del tavolo, come precedentemente detto, oppure, se le finanze lo permettevano, direttamente nel piatto, magari accompagnata da ceci lessati e conditi con olio buono e una bella spolverata di pepe appena macinato.

In estate invece l’aringa è buona anche in insalata, oppure sfilettata e poi messa a marinare per alcune ore in olio, pepe, cipollotti freschi e altri ortaggi ed erbe che variano a secondo delle abitudini e le tradizioni locali. In Olanda, ad esempio, va per la maggiore il panino all’aringa, che si prepara sia con aringhe affumicate che fresche o marinate: i filetti vengono in questo caso accompagnati da anelli di cipolla e cetrioli in agrodolce e come erba aromatica va per la maggiore il finocchietto selvatico. In Svezia poi, marinata in diverse salsine per lo più agrodolci, ve la servono addirittura a colazione.

In ogni caso il sapore forte e deciso del nostro “pesce veloce del Baltico” reclamerà condimenti gustosi e abbondante companatico; e benché si tratti di un sapore nordico, che ben si accompagna soprattutto con la birra, a noi dell’allegra Brigata di Cucina del Postalista non dispiace spegnere la sete che l’aringa inevitabilmente mette con un bel bicchiere di vino rosso giovane e leggermente frizzante.



  Aringa affumicata  
  Cornetto di San Martino  
  Tartufo  
  Biryani  
  Bacalà alla vicentina  
  Satay  
  Tufèja  
  Locro  
  Tamales  
  Ostriche di montagna  
  Kaq'ik  
  Speck  
  Plov  
  Gaufre  
  Bean crock  
  Bougna  
  Guacamole  
  Prosecco  
  Shinseollo  
  Oscypek  
  Lapis palaro  
  Stobhach gaelach  
  Bortsch  
  Dolma  
  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica