digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

cuy frito
Perù, 3 agosto 2009, Michel 2418
 
torna a

Filatelia Tematica



In Europa è conosciuto fin dal ‘600 come animale da compagnia, è stato usato a partire dal secolo successivo nei laboratori di ricerca scientifica ed è perfino andato nello spazio un mesetto prima di Jurij Gagarin; in Sudamerica invece, e più precisamente nella regione andina, finisce abitualmente nel piatto; anticamente in quelli dei nobili, al giorno d’oggi anche in quelli serviti nelle trattorie popolari e nelle fiere di paese: stiamo parlando del porcellino d’India, nome familiare per la Cavia porcellus.

Ma procediamo con ordine.

Della regione andina tutti i roditori del genere Cavia sono originari e le prime tracce di addomesticamento risalgono alla notte dei tempi. La Cavia porcellus proviene molto probabilmente da ibridazioni tese ad ottenere un animale adatto ad essere allevato in spazi ristretti ed era in origine una vittima sacrificale usata spesso a scopo di divinazione e, in questo contesto, destinata anche all’alimentazione di sacerdoti e potenti.

Col passare dei secoli però le abitudini di vita sono cambiate, e mentre in Europa, come dicevamo, la mitezza di carattere del porcellino d’India lo rese apprezzato come animale da compagnia, e la sua struttura fisica e la facilità di allevamento lo fecero prediligere già da Marcello Malpighi come animale da laboratorio, in Perù e nelle zone immediatamente confinanti si conquistò uno spazio sempre maggiore nelle tavole di tutti i ceti sociali.

Perché questo simpatico roditore, che in Perù è chiamato cuy, nome derivato dal quechua quwi, è dotato di carni tenere, di buon tenore proteico, magre e praticamente prive di colesterolo, il cui sapore è molto simile a quello del coniglio. Se si considera che con il coniglio condivide la buona adattabilità a vivere in spazi ristretti, la facilità di allevamento e l’estrema prolificità, ecco che diventa facile capire perché venga allevato, anche su basi domestiche, a scopi mangerecci.

E qui naturalmente entra in ballo, o meglio... si siede a tavola l’allegra Brigata di Cucina del Postalista, che si è spinta fino ai 2700 metri di Cajamarca, nel nord del Perù, dove il cuy lo friggono e lo accompagnano con patate anch’esse fritte, ma così come singolare è la maniera di friggerlo, altrettanto insolito è il procedimento di cottura delle patate.

Un cuy può arrivare a pesare quasi due chili, ma per questa ricetta ne occorrono di più piccoli, dato che verrà fritto intero, dopo essere stato aperto “a libro”, salato e posto sotto un peso per una breve frollatura che consentirà anche l’eliminazione dell’acqua in eccesso. Nel frattempo si provvede a scottare per qualche minuto le patate in acqua bollente e a lasciarle raffreddare dopo averle tagliate a fette alte circa un centimetro.

Il cuy intero viene messo quindi a friggere in abbondante olio, avendo cura (e qui sta la bravura del cuoco) di variare opportunamente la temperatura in modo di cuocerlo alla perfezione all’interno e, al tempo stesso, di renderlo ben croccante all’esterno. L’altro segreto che ogni cuoco conserva gelosamente è quello della miscela di peperoni (dolci e piccanti, freschi e secchi), aglio e altre erbe aromatiche: un battuto molto piccante che si unisce alle patate mentre queste soffriggono a fuoco vivace in qualche cucchiaiata dell'olio di cottura del cuy.

Sul picante de papa così ottenuto viene disposto il cuy frito, accompagnando il tutto con l’immancabile chicha de jora, una sorta di birra di mais non filtrata a bassissima gradazione, il cui retrogusto leggermente acidulo ben si sposa con la nostra ricetta… achiy!



  San bei ji  
  Lavash  
  Aleatico  
  Tatar böregi  
  Cuy frito  
  Beshbarmak  
  Riso alla cantonese  
  Gianduiotto  
  Zhengyalov hats  
  Aringa affumicata  
  Cornetto di san Martino  
  Tartufo  
  Biryani  
  Bacalà alla vicentina  
  Satay  
  Tufèja  
  Locro  
  Tamales  
  Ostriche di montagna  
  Kaq'ik  
  Speck  
  Plov  
  Gaufre  
  Bean crock  
  Bougna  
  Guacamole  
  Prosecco  
  Shinseollo  
  Oscypek  
  Lapis palaro  
  Stobhach gaelach  
  Bortsch  
  Dolma  
  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica