digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

ayaka
Curaçao, 11 novembre 2011, Yvert 238
 
torna a

Filatelia Tematica



Come recita un detto dell'isola di Curaçao, "la mejor ayaka la hace mi abuela". Basta questa affermazione a farci capire che siamo di fronte a un piatto di origine popolare, e del quale esistono tante versioni quante sono le persone che lo preparano.

Anzi, nel caso della nostra ayaka, sarebbe forse più corretto dire, invece di "persone", nuclei familiari. Sì, perché su questa isoletta situata a meno di 100 chilometri dalla costa venezuelana e dipendenza diretta dei Paesi Bassi, la preparazione della tradizionale ayaka coinvolge, nei giorni di Natale, tutta la famiglia... ovviamente sotto la sapiente direzione della "abuela", la nonna.

E così c'è chi sminuzza stufa e insaporisce i componenti del ripieno e chi si incarica di preparare la pasta a base di farina di granturco destinata a contenerlo, chi sceglie pulisce e prepara le grosse foglie di plantano (una varietà di banano) e chi le usa poi per confezionare con precisione i "pacchetti". E chi infine di quei "pacchetti", accuratamente chiusi con cordicelle spesso ricavate da fibra vegetale, segue la lenta cottura al vapore.

Tra gli ingredienti del ripieno, che come l'allegra Brigata di Cucina del Postalista ha potuto verificare curiosando in varie cucine sono estremamente variabili da famiglia a famiglia, troviamo carne di vari tipi, uova sode, pomodori, cipolle, olive, capperi, peperoni dolci e piccanti, banane verdi, uvetta e mandorle... niente anacardi, che quelli si usano nella non lontana isola di Aruba, dove viceversa le mandorle sono rigorosamente escluse. E poi, naturalmente, spezie di ogni genere, delle quali particolarmente ricche sono queste isole... sì, perché questo piatto è diffuso, con pochissime varianti nel nome e nella preparazione, in molte isole caraibiche e anche nei paesi costieri.

Lo scrittore venezuelano Arturo Uslar Pietri, sostiene che la ayaka è l'espressione di una perfetta mescolanza culturale dove si ritrovano le olive e l'uvetta dei Greci e dei Romani, i capperi e le mandorle di Arabi e Turchi, la carne dei ricchi e potenti colonizzatori post-colombiani, e il mais e le foglie di plantano delle popolazioni pre-colombiane.

Archeologi ed etnologi però fanno notare che l'usanza di farcire un impasto di farina di mais con ingredienti vari e poi friggerlo, bollirlo o cuocerlo al forno era già viva in epoche pre-colombiane in tutta l'America Centrale, e in questo senso la ayaka sarebbe solo una variante locale dei tamales, già noti ai Maya e, da Caracas a Manhattan, piatto forte degli odierni fast-food ispano-americani.

Per altri ancora, più prosaicamente, si tratta di una preparazione inventata in periodi antecedenti l'abolizione della schiavitù (che a Curaçao gli olandesi concessero nel 1863) dagli schiavi indios e neri, che la preparavano utilizzando gli avanzi dei pranzi e cenoni natalizi dei loro padroni: di qui la tradizione di prepararla nel mese di dicembre e la variabilità degli ingredienti.

Comunque sia, dopo averla attentamente liberata dal suo involucro di foglie, quando la forchetta affonda nell'impasto di mais e raggiunge il cuore speziato della nostra ayaka gli aromi e i sapori che si sprigionano sono tali da far dimenticare tutte queste teorie per concentrarsi esclusivamente su quello che si sta assaporando.

E ogni volta è un'esperienza nuova ed unica, mentre la abuela, la nonna, aspetta sorridendo di sentirsi dire che una ayaka così buona la sa fare solo lei...



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica