digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

couscous
Tunisia, 26 dicembre 2009, Yvert 1862
 
torna a

Filatelia Tematica



Originario della Kabilia, regione situata poco a est di Algeri sulla costa mediterranea e abitata da una popolazione di etnia berbera che nel corso dei secoli lo ha diffuso in tutto il Maghreb, dalla Libia fino al Marocco, il couscous deve il suo nome (in berbero, kseksu: formato in grani rotondi), alla lavorazione cui viene sottoposta la semola di grano duro per produrlo.

E' un procedimento abbastanza lungo e laborioso, che consiste nell'inumidire la semola e lavorarla a mano, con continue aggiunte di altra semola e acqua, fino ad ottenere delle minuscole palline di diametro inferiore al millimetro. Lasciati seccare al sole, i grani di couscous costituiscono una riserva di cibo facilmente conservabile per mesi e mesi. Al momento dell'uso, viene cotto al vapore in due o tre riprese, utilizzando una grossa pentola chiamata couscoussière.

Il couscous che è oggi facilmente reperibile nei nostri supermercati ha già subito una precottura, e per la sua preparazione definitiva basta di solito lasciarlo gonfiare per pochi minuti in acqua bollente salata. Un bel risparmio di tempo rispetto alle due o tre ore che erano richieste un tempo, anche se un mio amico marocchino sostiene che il risultato finale non è nemmeno lontanamente paragonabile.

La parola, dunque, indica semplicemente i grani di semola, e se ne conoscono numerosi modi di preparazione, ivi compresi alcuni dessert che prevedono l'uso di latte, miele e uva passa. Tuttavia, nell'uso comune il vocabolo è passato ad indicare quasi sempre la più nota delle ricette da esso ricavata, che è anche quella in effigie nel francobollo che vi presentiamo, emesso dalla Tunisia il 26 dicembre del 2009, dentellato 13 1/2, e catalogato da Yvert col numero 1862.

Già attestato in un manuale di cucina del 13° secolo, il couscous così preparato costituisce il piatto di base della cucina maghrebina, e se ne conoscono delle varianti locali anche in Sicilia (Trapani), Sardegna (Carloforte) e Spagna (Almeria e Murcia). Ai nostri giorni, la colonizzazione francese prima, e l'emigrazione dal Nord Africa dopo, ne hanno fatto uno dei piatti più diffusi in Francia, da dove ha pian piano conquistato spazio in tutta Europa. La sua preparazione è relativamente semplice, benché abbastanza lunga nonostante l'introduzione del couscous precotto.

I granelli, cotti al vapore o in acqua, vengono disposti a piramide su un grande vassoio circolare e coperti di vegetali (melanzane, zucchine, peperoni, ceci, carote e rape) cucinati in un brodo aromatizzato da spezie che variano a seconda delle tradizioni locali. A parte, viene servito il liquido di cottura delle verdure (marqa), che servirà a inumidire e insaporire i grani, e una purea (piccantissima e speziata) di peperoncini rossi chiamata harissa.

Il tutto viene spesso arricchito con l'aggiunta di carne (o pesce, come nel cuscusu, la variante siciliana) arrostita o, molto più comunemente, stufata. Escluso ovviamente il maiale, le carni più usate sono il montone, il pollo e il manzo, a volte sotto forma di spiedini o polpette. Molto usato anche il merguez, un insaccato di carne bovina e/o ovina insaporito con aglio, finocchio e harissa.

Il menù di molti ristoranti, soprattutto turistici, propone a volte il cosiddetto "couscous royal", nel quale tutte queste varietà di carne sono impiegate contemporaneamente... ebbene, si tratta di un'invenzione, appunto, per turisti, perché i nostri granelli di semola, tradizionalmente poveri (benché di ottime proprietà nutrizionali), usavano accompagnarsi con un solo tipo di carne alla volta... quando c'era.



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica