digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

roquefort
Francia, 25 marzo 2006, Yvert 3885
 
torna a

Filatelia Tematica



I conti sono presto fatti: la lattazione delle pecore di razza Lacaune si svolge da gennaio a giugno, e gli intenditori dicono che il latte migliore è quello munto tra la fine di aprile e l'inizio di maggio; la stagionatura ideale è, sempre dai soliti intenditori, fissata in cinque mesi.

Ottobre è dunque il mese ideale per gustare al meglio il Roquefort, e la Brigata di Cucina del Postalista non poteva certo mancare all'appuntamento, proponendo il francobollo (Yvert 3885, dentellato 13) che al saporitissimo erborinato hanno dedicato il 25 marzo 2006 le Poste Francesi.

Il francobollo fa parte della serie "France à vivre", e davvero questo formaggio è tra le cose da non perdere se capita di fare un viaggio in Francia, e in particolare nel meridionale dipartimento dell'Aveyron. E' infatti in questa regione, e in particolare in una ristrettissima zona intorno al villaggio di Roquefort-sur-Oulzon, che si concentra tutta la produzione di quello che molti hanno definito "il cugino francese del Gorgonzola".

La ristrettezza della zona di produzione si spiega con il particolare microclima esistente nelle grotte che si aprono sul fianco dello strapiombo generato dallo sprofondamento della piattaforma calcarea di Combalou: è lungo le pareti di questo dirupo, in uno spazio di pochi chilometri quadrati, che le sette case produttrici di Roquefort (dall'industriale Societé all'artigianale Carles, a conduzione familiare) hanno le loro "caves d'affinement".

E proprio in una di queste grotte, fin da epoche antichissime adibite a rifugio di greggi, pare che il nostro formaggio sia nato. Il merito è da ascrivere a un poco zelante pastore che, anziché accudire le pecore affidategli, lasciò la grotta per corteggiare una bella paesana. Il corteggiamento ebbe successo, e il giovanotto tornò, è proprio il caso di dirlo, all'ovile dopo un lasso di tempo abbastanza lungo da permettere al Penicillium Roqueforti di fare il suo lavoro sui pezzi di pane e formaggio che costituivano la sua riserva alimentare.

Il Roquefort era nato, e dopo aver stregato con la sua muffa perfino Carlo Magno, che se ne faceva spedire annualmente una considerevole quantità alla sua corte di Aix-La-Chapelle, conquistò anche le papille gustative di Carlo VI, il quale, primo caso di disciplinare gastronomico della storia, il 4 giugno del 1411 concesse al villaggio di Roquefort l'esclusiva sulla produzione e decretò le grotte "luogo protetto".

Si ignora se già questi storici buongustai accompagnassero le loro mangiate di Roquefort a un bel sorso di Sauternes, ma i gastronomi moderni sono concordi nell'affermare che è proprio questo vino bianco, aromatico e leggermente liquoroso, prodotto a pochi chilometri da Bordeaux, ad esaltare al massimo il gusto penetrante del nostro formaggio.



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica