digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

oktoberfest
Burundi, 2012, Yvert 1658
 
torna a

Filatelia Tematica



Non una singola ricetta, stavolta, ma un evento gastronomico: l'allegra Brigata di Cucina del Postalista non può infatti non rendere partecipi i suoi ghiotti lettori della spedizione in terra di Germania, e più precisamente a Monaco, in occasione della tradizionale Oktoberfest.

La quale Oktoberfest, stranamente, si svolge prevalentemente durante il mese di settembre, per concludersi nella prima domenica di ottobre. Un cambiamento di data progressivamente messo in atto nel corso degli anni anche allo scopo di godere di condizioni meteorologiche più clementi e stabili.

La prima Oktoberfest, che però ancora non aveva questo nome, si svolse in un prato alle porte di Monaco il 12 ottobre del 1810 per festeggiare le nozze del principe Ludovico di Baviera con la principessa Teresa di Sassonia, e proprio in onore di quest'ultima il luogo fu ribattezzato Theresienwiese (prato di Teresa); ancor oggi la festa si svolge nel parco ricavato da quel prato, chiamato familiarmente Wiesn.

L'entusiasmo con il quale la popolazione accolse quei tre giorni di corse di cavalli, musica, danze e picnic all'aria aperta fu tale che si decise di replicarli anche negli anni successivi, magari aggiungendo anche altre attrazioni, come una fiera agricola e spettacoli di vario genere.

A poco a poco si venne così consolidando una tradizione, alla quale fu naturale dare un nome, quello di Oktoberfest, appunto, e fecero la loro apparizione i primi stand fissi dei mastri birrai di Monaco.

Oggi questi stand, eretti intorno a un grande luna park, si sono moltiplicati ed offrono attrazioni e ghiottonerie di ogni tipo, ma i più importanti e frequentati restano sempre quelli che fin dal 1800 hanno allietato il fine estate dei cittadini di Monaco prima e dei turisti di tutto il mondo dopo.

Sono quattordici bierzelt, enormi tendoni in grado di ospitare fino a 10.000 persone ciascuno, all'interno dei quali la birra viene di norma servita nei generosi boccali da un litro, i cosiddetti maßkrug, da robuste (alcune sono in grado di servire almeno dieci di questi boccali in una sola portata) kellerine abbigliate con i tradizionali dirndl.

Di questi boccali, il cui contenuto rappresenta il 30% della produzione annuale delle sei birrerie storiche di Monaco (Paulaner, Spaten, Hofbräu, Hacker-Pschorr, Augustiner e Löwenbräu), quest'anno ne sono stati scolati quasi sette milioni, in accompagnamento ai cibi tradizionalmente serviti durante la festa.

E così, da un bierzelt all'altro, abbiamo potuto gustare il mitico schweinshaxe, lo stinco di maiale arrostito con contorno di crauti e reiberdatschi (sorta di frittelle a base di patate tagliate a fiammifero), würstl di tutti i tipi, compresi i classici weisswurst bianchi, accompagnati dai biscotti secchi (ma ne esiste anche una versione morbida particolarmente apprezzata) brezen e dall'obatzda, un formaggio cremoso e speziato tipico di Monaco. E poi, per stare un po' più sul leggero, arrosto di pollo e maiale, knödel (una specie di grossa polpetta a base di patate), steckerlfisch (pesce arrosto servito su una sorta di spiedino di legno) e käsespätzle, la versione locale della pastasciutta.

Tutta roba capace di far sobbalzare sulla poltrona il vostro cardiologo o la vostra dietista, ma che si accompagna a meraviglia con il contenuto dei maßkrug e fa parte della tradizione culinaria bavarese.

E mentre ancora risuona il colpo a salve che come di prammatica saluta la fine della festa, l'allegra Brigata è già proiettata al prossimo settembre, quando il sindaco di Monaco, dopo aver spillato la prima botte, lancerà il rituale grido "O'zapft is!" annunciando così l'inizio di un'altra Oktoberfest... e sarà la centoottantaduesima.



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica