digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

kaq'ik
Guatemala, 4 marzo 2014, Michel 1594
 
torna a

Filatelia Tematica



A parlare il q’eqchi’, attualmente la più diffusa delle lingue di ceppo maya che a stento sopravvivono nell’America centrale, sono rimaste oggi poco meno di 900mila persone che vivono prevalentemente in Guatemala e, in piccola parte, nel confinante Belize. E q’eqchi’ è anche il nome del popolo che si ostina a parlare questa lingua, un popolo che vanamente Bartolomé de las Casas, il vescovo spagnolo nominato da Ferdinando II “procurador o protector universal de todos los indios de las Indias", tentò di convertire al cristianesimo negli anni a cavallo del 1500.

Tra questi ultimi eredi di una civiltà che già ai tempi dei conquistadores spagnoli era in declino, l’allegra Brigata di Cucina del Postalista si è spinta in cerca di un piatto anch’esso precolombiano, il cui nome, nell’antico linguaggio che è ancora la lingua “ufficiale” di certe osterie del dipartimento di Verapaz, significa alla lettera “rosso peperoncino”.

Si tratta del kaq’ik, che fin dal suo ingrediente di base, il chompipe, rivela le sue antiche origini. E precolombiani sono anche tutti gli altri ingredienti di questo saporito (e piccantissimo) stufato che, da sempre considerato il piatto nazionale guatemalteco, è stato qualche anno fa dichiarato ufficialmente “patrimonio culturale immateriale del paese”.

Il nostro chompipe, che è poi quello che noi abbiamo ribattezzato tacchino, viene fatto a pezzi e messo a bollire con le foglie verdi di cipolla e aglio freschi, samat (una pianta autoctona chiamata anche coriandolo di montagna) e un bel ramo di hierbabuena, la menta selvatica centroamericana indiscussa regina, a Cuba, del mojito.

Mentre la carne cuoce si tostano i semi di zucca che, una volta ridotti in polvere insieme all’ajonjolì (variante locale del sesamo) e a grani di pepe, serviranno ad addensare la salsa di pomodoro nella quale avverrà l’ultima parte della cottura.

Abbiamo detto salsa di pomodoro, ma in realtà si tratta di un condimento dove a farla da padroni sono i peperoncini (dai neri pasas ai rossi guaques, in una varietà che trova limiti solo nella disponibilità stagionale e nella fantasia del cuoco), i peperoni dolci, la cipolla e il miltomate, che è il nome che da queste parti viene dato al tomatillo, il pomodorino “con le foglie” antesignano del pomodoro diffuso in tutto il mondo dagli spagnoli dopo la conquista.

Il quale pomodoro, beninteso, c’è anche nel nostro kaq’ik, ma serve più che altro a dare la giusta consistenza all’intingolo dove, nell’ultima mezz’ora, verranno posti a terminare la cottura i pezzi di tacchino. E a questo punto va aggiunta anche una buona dose di achiote in polvere o in pasta, una spezia locale dal sapore amarognolo e dal vivacissimo colore rosso.

Lo stufato viene servito accompagnato dal brodo di bollitura del tacchino e dagli immancabili tamales, focaccine di farina di mais avvolte in foglie di banano e cotte al vapore. Sulla tavola, insieme ai tamales, è sempre presente il temibile peperoncino cobanero in polvere, ma l’allegra Brigata ne sconsiglia l’uso a palati non avvezzi a certi livelli di piccantezza.

Oggi è abbastanza comune vedersi servire anche una scodella di riso bollito, ed è questo l’unico tra i tanti ingredienti che abbiamo fin qui nominato a non essere conosciuto dagli antichi progenitori degli odierni q’eqchi’.

Tutto il resto, dal piccante del “peperoncino” al “rosso” dell’achiote, già si accompagnava al tacchino negli ancestrali kaq’iq dei maya secoli prima dello sbarco di Cristoforo Colombo.



  Kaq'ik  
  Speck  
  Plov  
  Gaufre  
  Bean crock  
  Bougna  
  Guacamole  
  Prosecco  
  Shinseollo  
  Oscypek  
  Lapis palaro  
  Stobhach gaelach  
  Bortsch  
  Dolma  
  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica