digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

hwajeon
Corea del Sud, 15 giugno 2005, Michel 2469
 
torna a

Filatelia Tematica



Che la cucina, e soprattutto quella tradizionale e genuina, sia legata alla stagionalità è cosa risaputa, anche se le moderne tecniche di coltivazione in serra e la facilità con cui frutta e verdura vengono trasportate fino al supermercato sotto casa da chissà quale parte del mondo tendono a farcelo spesso dimenticare.

Eppure esiste un piatto, in Corea, che della stagionalità fa una sua caratteristica precisa… anzi, potremmo dire che ne esiste uno per ogni stagione: lo hwajeon.

Si tratta di una sorta di frittella, o pancake, ottenuta impastando con acqua calda una particolare farina di riso molto ricca di glutine, e cuocendo il tutto in una speciale padella, il beoncheol, molto spessa così da distribuire omogeneamente il calore ed evitare antiestetiche bruciature. A fine cottura lo hwajeon deve essere bianchissimo, perché possano meglio risaltare le decorazioni floreali che ne sono parte integrante.

Lo hwajeon più tradizionale, la cui preparazione viene fatta risalire alla dinastia Goryeo (intorno all'anno 1000 dell'era cristiana) veniva (e viene tuttora) preparato in occasione della festa di Samjinnal, che cade nel terzo giorno del terzo mese lunare dell'anno, vale a dire all'inizio della stagione primaverile. All'impasto si aggiungono dei petali di azalea, e nelle fasi finali della cottura un'intera corolla viene posta sopra alla frittella a scopo decorativo.

Il risultato, piacevole alla vista e delicato al palato, è indicato col nome di jindallaehwajeon (jindallae è l'azalea, in coreano), e viene spesso accompagnato da un infusione di fiori di azalea in acqua addolcita col miele.

Ben presto si affermò però l'usanza di preparare lo hwajeon anche in occasione del nono giorno del nono mese lunare, il che viene a corrispondere con l'inizio dell'autunno. E siccome di azalee in fiore, in questa stagione, non ce ne sono, per aromatizzare e decorare la frittella è stato scelto il crisantemo. A differenza della versione primaverile, quella autunnale, che è chiamata gukhwajeon, non si accompagna con un delicato infuso ma, forse per contrastare gli incipienti rigori invernali, con un ben più robusto vino di riso, naturalmente aromatizzato al crisantemo.

Poi, a poco a poco, altre versioni si sono affermate, sfruttando le diverse fioriture stagionali, come per esempio quella dell'inizio dell'estate, dove la fa da padrona una particolare varietà di rosa gialla, e si chiama jangmi, mentre nella tarda primavera il fiore utilizzato è una viola (jebikkothwajeon), e durante l'autunno, oltre al tradizionale crisantemo, vengono impiegate anche le cosiddette creste di gallo (celosia cristata).

Praticamente, possiamo dire che ogni tipo di fiore può essere utilizzato, con l'unico limite dell'edibilità e del gusto.

E, si starà già chiedendo qualcuno, d'inverno? Ebbene, dal momento trovare fiori d'inverno è abbastanza difficile, vengono utilizzati altri ingredienti, come le giuggiole, i licheni del genere umbilicaria esculenta (che, tra l'altro, ha spiccate proprietà antivirali) e gli estratti di altre piante come l'artemisia e la sardonica.

Ovviamente l'effetto estetico delle decorazioni floreali si perde durante la stagione invernale, ma con l'arrivo della primavera, nel terzo giorno del terzo mese lunare, si ricomincia dall'azalea… perché come dicono da queste parti, ogni stagione ha il suo hwajeon.

 



  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica