digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

bacalhau assado
Portogallo, 5 maggio 2005, Yvert 2888
 
torna a

Filatelia Tematica



Stando a quando riferito nel 1570 da Gaspar Frutuoso nella sua opera Saudades da terra, l'uso del baccalà (merluzzo salato) come provvista non deperibile destinata alle navi della flotta portoghese fu introdotto intorno al 1470 dal navigatore João Vaz Corte-Real, il quale scoprì nell'Atlantico del Nord, la mitica isola di Bacalao. Secondo certi storici, quest'isola non sarebbe altro che Terranova, raggiunta quindi dai portoghesi almeno vent'anni prima che Colombo scoprisse "ufficialmente" l'America.

Quanto ci sia di fondato in questa leggenda è cosa sulla quale ancor oggi si dibatte, ma è tuttavia certo che i pescatori baschi, spagnoli e portoghesi dell'epoca erano usi spingersi molto a nord in cerca dei banchi del prezioso pesce.

Così come è altrettanto certo che da secoli il baccalà occupa un posto d'onore nella gastronomia del Portogallo e di tutti i paesi di lingua e cultura portoghese, a cominciare dal Brasile.

E se la coniugazione più semplice di questa specialità è senz'altro costituita da un fragrante sfilatino farcito con un filetto di baccalà appena fritto, trangugiato in piedi in uno dei tanti "buchetti" che si aprono nei vicoli intorno alle grandi "avenidas" di Lisbona, la tradizione culinaria lusitana vanta centinaia e centinaia di preparazioni a base di bacalhau.

A una di queste ricette le poste portoghesi hanno dedicato, il 5 maggio 2005, l'emissione filatelica che oggi vi presentiamo: un francobollo da 0,57 € (Yvert 2888), raffigurante il succulento bacalhau assado com batatas a murro.

Per prepararlo, occorre arrostire (assar) alla griglia il baccalà opportunamente dissalato avendo cura, di quando in quando, di toglierlo dal fuoco e metterlo rapidamente in ammollo, accorgimento che gli consentirà di cuocere in maniera omogenea. Nel frattempo, dopo averle cosparse di sale grosso, mettere in forno le patate novelle (senza sbucciarle) e lasciarle cuocere per una ventina di minuti. A metà cottura, estrarre le patate dal forno e schiacciarle leggermente dando loro un murro, un leggero pugno. E' questo murro, che consente al sale di cui si sono cosparse le patate di penetrare all'interno, a dare il nome alla ricetta.

Ultimata la cottura, disporre su un vassoio i pezzi di baccalà e le patate, condire il tutto con olio di oliva in cui si saranno fatti macerare alcuni spicchi di aglio schiacciato, e passare il tutto brevemente al forno.

Una variante molto apprezzata in Brasile prevede anche l'uso di "cebolhas assadas", cipolle intere arrostite al forno nella loro buccia e condite con olio, pepe appena macinato e una buona spruzzata di aceto.



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica