digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

tartufo
Italia, 31 ottobre 2015, Yvert 3623
 
torna a

Filatelia Tematica



A guidare l’allegra Brigata di Cucina del Postalista nell’ennesima incursione gastronomica sarà stavolta un novizio benedettino capitato in Italia al seguito del suo maestro francescano, frate Guglielmo da Baskerville, sul finire del novembre 1327: “Vidi -racconta il giovane religioso- Severino che radunava i porcai e alcuni dei loro animali, con allegria. Mi disse che andavano lungo le falde del monte, e a valle, a cercare i tartufi.”

Avrete già capito che il nostro novizio è Adso da Melk, e la non meglio identificata abbazia in cui Umberto Eco ambienta il suo grande romanzo “Il nome della rosa” si trova nel nord dell’Italia, sulle pendici settentrionali di una catena montuosa dalle cui cime si vede, a pochi chilometri il mare. L’Appennino Ligure, dunque e più precisamente il suo versante piemontese. Lo si capisce anche dal prosieguo della narrazione di Adso: “Io non conoscevo ancora quel frutto prelibato del sottobosco che cresceva in quella penisola, e sembrava tipico delle terre benedettine, vuoi a Norcia -nero- vuoi in quelle terre -più bianco e profumato”… e “quelle terre” sono senz’altro le terre di Alba e del Monferrato, zona di produzione del più apprezzato dei tartufi, il bianco Tuber magnatum; senza peraltro dimenticare l’altrettanto pregiato Tuber melanosporum, il tartufo nero invernale di Norcia.

Severino mi spiegò cosa fosse, -prosegue Adso- e quanto fosse gustoso, preparato nei modi più vari. E mi disse che era difficilissimo da trovare, perché si nascondeva sotto terra, più segreto di un fungo, e gli unici animali capaci di scovarlo seguendo il loro olfatto erano i porci. Salvo che, quando lo trovavano, volevano divorarselo, e bisognava subito allontanarli e intervenire a dissotterrarlo.” Da allora molte cose sono cambiate, e a cercar tartufi oggi si va con un animale più facile da gestire rispetto al maiale: il cane, e in special modo il lagotto romagnolo, anche se un umile bastardino adeguatamente addestrato potrà benissimo assolvere con pieno merito il suo delicato compito.

Quello che invece non è cambiato è il gusto, già comunque apprezzato anche dagli antichi romani, a partire da Giovenale che attribuisce la creazione del tartufo agli effetti di una folgore scagliata da Zeus in prossimità di una quercia. E poiché la quercia era albero consacrato appunto a Zeus, e il “padre degli dei” andava famoso per la sua incessante attività sessuale (a lui è attribuita la paternità di quasi la metà dei personaggi mitologici greci), ecco che il tartufo si guadagnò la fama di cibo afrodisiaco: per il medico romano Galeno infatti "il tartufo è molto nutriente e può disporre alla voluttà."

Quanto agli innumerevoli modi di preparare e gustare Sua Maestà il tartufo, noi della Brigata di Cucina del Postalista, anche a costo di far storcere il naso a più di uno chef stellato, rivendichiamo una certa semplicità: tagliatelle all’uovo fresche condite con burro fuso e pepe, lasciando ai commensali la libertà di scegliere se aggiungere anche una bella spolverata di pamigiano, e uovo fritto, sempre nel burro ovviamente, salvo che questa volta una fondutina di parmigiano ci sta bene, mentre il pepe può anche essere tralasciato… a completare il tutto, una pioggia di sottili lamelle di tartufo.

In mancanza delle due varietà più pregiate, vanno benissimo anche uno scorzone (nero estivo) o un marzolino (bianco primaverile); alla larga invece da tubetti e barattoli di salse e intingoli industriali, che molto spesso si riducono ad un trito di funghi (quasi sempre di infima qualità) insaporiti con un “aroma naturale” che di naturale ha ben poco: il bismetiltiometano.

 



  Tartufo  
  Biryani  
  Bacalà alla vicentina  
  Satay  
  Tufèja  
  Locro  
  Tamales  
  Ostriche di montagna  
  Kaq'ik  
  Speck  
  Plov  
  Gaufre  
  Bean crock  
  Bougna  
  Guacamole  
  Prosecco  
  Shinseollo  
  Oscypek  
  Lapis palaro  
  Stobhach gaelach  
  Bortsch  
  Dolma  
  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica