digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

Parrillada criolla
Uruguay, 3 febbraio 2011, Yvert 2464
 
torna a

Filatelia Tematica



Il francobollo che vi presentiamo questo mese, classificato da Yvert & Tellier col numero 2464, è stato emesso il 3 febbraio 2011 in occasione della 25° Festa della Patria Gaucha, ma intende anche celebrare il duecentesimo anniversario dell'inizio della Rivoluzione Arteguista, che portò l'Uruguay a liberarsi nel giro di pochi decenni sia dal dominio coloniale spagnolo, sia dalle mire annessioniste della vicina Argentina.

E' questa infatti, come ricordato sul francobollo stesso, la prima emissione espressamente dedicata al Bicentenario, ed è significativo che proprio alla cultura gaucha essa faccia riferimento. In Uruguay come in Argentina, la casta dei cosiddetti criollos (i discendenti diretti dei colonizzatori spagnoli, ma nati in Sudamerica) fu la vera ispiratrice delle guerre di indipendenza.

Dai criollos nasce dunque l'affrancamento dal dominio spagnolo, e a poco a poco il termine è venuto assumendo connotati di "purezza": oggi si definiscono criollos coloro che, vivendo lontano dalle grandi città, sono in qualche modo rimasti esenti dall'effetto melting pot di metropoli come Buenos Aires e Montevideo, e sono quindi in qualche modo depositari del vero spirito che animò la nascita sia dell'Argentina che dell'Uruguay.

Insomma, i cavalieri delle pampas, su ambo le rive del Rio de la Plata, sarebbero gli eredi diretti dei combattenti per l'indipendenza, e tutto quello che riporta alla loro cultura viene ad assumere forti connotati di identità nazionale: basti pensare all'importanza della saga di Martin Fierro per gli argentini.

Ma torniamo al nostro francobollo, che fa parte di una serie di tre, tutti in qualche modo dedicati alla cultura gaucha. Tralasciando quelli dedicati agli attrezzi di lavoro del gaucho (speroni e bolas) ci siamo concentrati, e non poteva essere altrimenti, sull'immagine dei due capisaldi dell'alimentazione dei rudi bovari uruguaiani. La quale, visto che le parti più pregiate sono ovviamente destinate al mercato, sfrutta i tagli più poveri, quello che noi definiremmo il "quinto quarto".

La cottura più comune si fa alla brace: è la succulenta parrillada criolla che vediamo sullo sfondo, composta di salsicce di diversi tipi (chorizos e morcillas), frattaglie e il celebre asado de tira, tipico taglio sudamericano ricavato dalle costole. I pezzi che non si possono arrostire, finiscono invece dentro al calderone munito di treppiede che si vede in primo piano: è la classica marmita, dentro alla quale cuoce lentamente sopra ai falò la carbonada, un sostanzioso stufato di carne, verdure e legumi insaporiti col piccantissimo ajì, il più dolce pimenton, aglio, cipolle e spezie varie...

...il tutto, nella straordinaria scenografia della pampa notturna e condito dall'appetito che deriva da una giornata di duro lavoro tra le mandrie.

¡Buen Provecho!



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica