digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

l'amatriciana
Italia, 29 agosto 2008, Yvert 3022
 
torna a

Filatelia Tematica



Benché nata a quasi 150 chilometri di distanza dalla Capitale, la matriciana (come la chiamano a Roma) è universalmente considerata uno dei piatti tipici e irrinunciabili della cucina romanesca, dove si sposa comunemente con i bucatini o con i rigatoni... matrimonio che fa rabbrividire gli abitanti di Amatrice, i quali usano questa salsa esclusivamente sugli spaghetti.

Agli spaghetti all'amatriciana è dedicata tutti gli anni una sagra, che si tiene nell'ultima settimana di agosto: in occasione della 42° edizione, il 29 agosto 2008, le Poste Italiane hanno emesso il francobollo (Yvert 3022) che vi proponiamo. Tirato in 3.500.000 esemplari (fogli da 25), con dentellatura 13x13 1/4, fa parte della serie "Made in Italy".

Ma torniamo ai nostri spaghetti per vedere, nei particolari, quella che è ritenuta dai puristi la vera "salsa all'amatriciana".

Innanzitutto, si dovrà usare il "guanciale", ottenuto, come dice il nome, dalla guancia del maiale, e non la più comune e meno pregiata pancetta. Si dovrà inoltre avere cura di tagliarlo a striscioline relativamente sottili e larghe, e non a cubetti: questa lavorazione consente di sfruttare al massimo il grasso presente nel guanciale, limitando al massimo l'aggiunta di altro tipo di grasso, che non dovrebbe essere l'olio (dicono che renda acida la salsa) ma lo strutto di maiale.

Una volta rosolato il guanciale (attenzione: rosolato... non bruciacchiato o peggio ancora "lessato"), si aggiungono i pomodori casalini freschi pelati e privati dell'acqua di coltivazione e dei semi... e in capo a un quarto d'ora la salsa è pronta. Non guasta un po' di peperoncino rosso, da aggiungere inizialmente insieme al guanciale.

A questo punto, non resta che far saltare gli spaghetti nella salsa, aggiungendo un generoso pugno di pecorino di Amatrice... non quello romano, che ha un gusto troppo salato e piccante, e men che meno l'aborrito parmigiano.

Una ricetta semplice, dunque, e proprio per questo difficile da realizzare a regola d'arte: questa è, da almeno due secoli, la "vera" amatriciana, anche se il lungo soggiorno romano ha introdotto inevitabilmente alcune contaminazioni, come l'uso della cipolla (da soffriggere insieme al guanciale), del pepe nero, del pecorino romano e, talvolta, dell'aglio.

Ma se questi "imbastardimenti" hanno finito con l'essere, bene o male, tollerati, restano da evitare come la peste ulteriori aberrazioni, come quella della pancetta affumicata e (orrore!!!) della panna che dovrebbe "ingentilire" la ricetta e che invece finisce con l'assassinarla irrimediabilmente.

Stretta parente, o per meglio dire antenata, dell'amatriciana è la gricia (o griscia), che pare debba il suo nome al paesino di Grisciano, poco oltre Amatrice, sempre in provincia di Rieti ma quasi ai confini con le Marche. Si tratta, in definitiva, di quella che viene a volte chiamata "amatriciana senza il pomodoro", che predilige il pepe nero, ed è senz'altro ricetta più antica (visto che il pomodoro, come condimento della pasta, è attestato solo dall'inizio dell'800).

La gricia fu probabilmente importata a Roma dai pastori abruzzesi che transumavano le loro greggi nella campagna romana... abruzzesi, perché sia Amatrice che Grisciano, benché oggi facenti parte della provincia di Rieti, sono strettamente legati, dal punto di vista culturale e gastronomico, all'Abruzzo.



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica