digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

speck
Italia, 1° ottobre 2016, Yvert 3702
 
torna a

Filatelia Tematica



Poco sale, poco fumo e molta aria fresca: questo il segreto che fa del prosciutto prodotto in Alto Adige (o se preferite nel Sud Tirolo) un prodotto unico al mondo. Unico, e con un suo nome di battesimo che lo distingue da tutti gli altri prosciutti: lo speck.

Perché lo speck altoatesino, nonostante il suo nome suoni identico a quello che in tedesco indica la pancetta, viene ricavato dalla coscia del maiale, esattamente come tutti gli altri prosciutti consegnati alle nostre papille gustative da altre tradizioni gastronomiche. A fare la differenza sono la lavorazione in primo luogo, e poi il clima.

Tanto per cominciare, la coscia di maiale viene disossata… e questo, direte voi, lo si fa anche per molti prosciutti; è vero, ma l’osso dello speck viene tolto dopo aver aperto in due nel senso della larghezza il pezzo di carne, come se fosse un libro.

Nella fase successiva queste grossa e spesse fetta di carne, che si chiamano baffe, vengono rifilate, cosparse di sale e di una miscela di pepe, ginepro, rosmarino, alloro e altre spezie sul cui tipo e dosaggio ogni produttore custodisce gelosamente il segreto. Dopo averle lasciate salmistrare per un periodo che, anche a seconda della grossezza della coscia, va dalle tre alle quattro settimane, le baffe vengono sottoposte ad un processo di asciugatura unico nel suo genere, che unisce l’affumicatura (prevalentemente usata nei a nord delle Alpi) all’asciugatura all’aria (in uso invece nei paesi mediterranei).

La temperatura del fumo, prodotto con legna poco resinosa, viene mantenuta intorno ai 20 gradi per non chiudere i pori, cosa che ostacolerebbe l’asciugatura all’aria, e le due fasi vengono alternate fra di loro fino ad ottenere la giusta consistenza. La fase finale è quella della stagionatura: almeno 22 settimane in locali dove circola abbondante aria fresca.

Durante la stagionatura sulle baffe si forma uno strato naturale di muffa aromatica che viene rimosso alla fine del processo. Questa muffa protegge la carne evitando che si asciughi troppo, consentendo così una maturazione interna uniforme; al tempo stesso è fondamentale per il risultato gustativo, poiché armonizza e arrotonda le intense note speziate e affumicate tipiche dello speck.

Benché sia entrato prepotentemente a far parte della cultura gastronomica locale (basti pensare ai canederli) e mondiale e venga al giorno d’oggi ampiamente usato in miriadi di ricette, la maniera migliore di apprezzarlo è quella tradizionale altoatesina, quella che in dialetto tirolese si chiama brettljause, e che a sud delle Alpi viene chiamata marende.

Come avrete già capito, si tratta di una merenda: un sostanzioso spuntino con il quale i montanari tirolesi usavano rifocillarsi durante i lavori al pascolo o nei campi. Nella sua forma tradizionale, la marende si compone di pane nero, salsicce, cetrioli inaciditi e formaggi locali: dai notissimi Puzzone di Moena e Vezzena, ai meno noti ma non per questo meno gustosi Almkase, alla lettera “formaggio di malga”, tra i quali spicca il Graukase.

E naturalmente il nostro speck, tagliato in fette larghe e spesse e mandato giù con l’accompagnamento di robusti bicchieri di vino o generosi boccali di birra.

Il momento e il luogo migliori per assaggiare questa deliziosa marende? All’inizio di ottobre nel cuore delle Dolomiti, quando ai piedi del massiccio delle Odle, nel paesino di Santa Maddalena, si svolge la Festa dello Speck…



  Tartufo  
  Biryani  
  Bacalà alla vicentina  
  Satay  
  Tufèja  
  Locro  
  Tamales  
  Ostriche di montagna  
  Kaq'ik  
  Speck  
  Plov  
  Gaufre  
  Bean crock  
  Bougna  
  Guacamole  
  Prosecco  
  Shinseollo  
  Oscypek  
  Lapis palaro  
  Stobhach gaelach  
  Bortsch  
  Dolma  
  Judd mat gaardebounen  
  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica