digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

bouillabaisse
Francia, 2005, Yvert 3771
 
torna a

Filatelia Tematica



Dopo aver gustato gli appetitosi stuzzichini monegaschi noti sotto il nome di barbagiuans, l'allegra Brigata di Cucina del Postalista si sposta questo mese 200 chilometri più a ovest, a Marsiglia, per una bella cena a base di bouillabaisse.

Moderna declinazione dell'antico provenzale bouï abaïsso, che alla lettera significa "bolle, abbassa il fuoco", la bouillabaisse è una robusta zuppa a base di pesci cosiddetti poveri, come lo scorfano, la triglia e il grongo che spesso restavano invenduti, e per questa ragione destinati alla mensa dei pescatori. Il tutto arricchito, all'occorrenza, da seppie e cicale.

I pesci vengono posti a cuocere in una pentola riempita d'acqua (di cui una metà di mare) insaporita con erbe aromatiche, aglio, cipolla e zafferano. Importantissimo, per mantenere integri i pesci, è dosare attentamente la fiamma, abbassandola (come suggerisce il nome stesso) per evitare che una ebollizione troppo violenta li spappoli.

Un po' del brodo di cottura servirà a diluire una maionese rinforzata con aglio e peperoncino, ottenendo così la famosa rouille: una salsa da spalmare su fette di pane raffermo, abbrustolito e agliato. I croûtons così ottenuti, immersi nel brodo, vanno a costituire la zuppa propriamente detta, mentre i pesci vengono serviti a parte, con accompagnamento di patate (lessate nella stessa pentola) e di altra rouille... insomma: un piatto unico e completo, capace di riempire a poco prezzo gli stomaci dei pescatori marsigliesi.

Secondo alcuni, la bouillabaisse avrebbe origini greche, come del resto la città di Marsiglia, e sarebbe addirittura citata dalla mitologia: si tratterebbe infatti della zuppa con cui Venere rimpinzò Vulcano per farlo addormentare e darsi così alla pazza gioia tra le braccia di Marte.

Ovviamente sono solo leggende, ma la nostra bouillabaisse si è comunque guadagnata un posto di rilievo nella mitologia culinaria della Francia, di cui è uno dei piatti-simbolo. Un simbolo che le Postes Françaises hanno celebrato includendolo in una serie del 2005, dal significativo titolo "La France à vivre", la Francia da vivere.

Ah... in certi ristoranti alla moda vi vedrete proporre una cosiddetta "bouillabaisse royale", in cui qualche cuoco fantasioso ha sostituito le cicale con una bella aragosta: inutile dire che questo piatto ha ben poco da spartire con la nostra zuppa di poveri pescatori, e che l'unica cosa davvero "royale" sarà probabilmente... il conto che vi toccherà pagare.



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica