digressioni gastro - filateliche
a cura della
Brigata di Cucina del Postalista

caviale
Russia, 1° gennaio 2005, Yvert 6878
 
torna a

Filatelia Tematica



Se l'uso di uova di pesce, incluse ovviamente quelle dello storione, nell'alimentazione umana risale ad epoche antiche, tanto da essere citato anche in alcuni testi latini e nel Don Chisciotte (che fa esplicito riferimento a un manjar negro que dicen que se llama caviar), la fama del caviale come prelibatezza destinata essenzialmente alle tavole dei ricchi è relativamente recente.

Furono infatti i nobili russi riparati in occidente dopo la rivoluzione russa a diffondere, inizialmente in Francia, l'uso di un cibo che gli zar usavano offrire ai loro ospiti di riguardo: le uova leggermente salate (di qui il termine malossol, che significa "poco sale") dei grandi storioni Beluga, particolarmente numerosi nel mar Caspio.

E il Beluga, ancora ai nostri giorni, è appunto considerato la varietà più pregiata, e in particolar modo quello definito Almas, ricavato da storioni albini e dal delicato colore ambrato. Molto apprezzate sono anche le varietà Ossetra e Sevruga, mentre sempre più rara sta diventando quella che si ottiene dagli storioni Sterlet, e che secondo alcuni era la preferita degli imperatori russi.

E' curioso notare che, data la grande quantità di storioni presenti nei fiumi della costa atlantica statunitense, le loro uova salate e pressate (qualcosa di simile alla nostra bottarga) erano nel XIX secolo considerate in America un cibo dozzinale, destinato per lo più ad accompagnare le bevute di birra delle fasce di popolazione più povere. Si era dunque ben lontani dall'idea di "caviale e champagne" che prevale attualmente nell'immaginario culinario universale.

La progressiva sparizione degli storioni da molti fiumi, dovuta alla caccia cui sono sottoposti sia per le loro carni che per le loro uova oltre che all'inquinamento, di concerto con la sua fama di cibo degli zar hanno contribuito nei primi decenni del '900, a far lievitare l'apprezzamento (e il prezzo) di quello che in Russia, sua patria ideale, è semplicemente chiamato ikra, vale a dire "uova di pesce". E del resto, anche il nome col quale si è diffuso nel mondo si richiama allo stesso concetto, visto che deriva dal persiano (l'Iran è, con la Russia appunto, il maggior produttore mondiale) khāg-āvar, ossia "pesce produttore di uova".

I vasti interessi economici che stanno al giorno d'oggi dietro alla commercializzazione del caviale hanno imposto una regolamentazione dell'uso del nome, che è riservato solo alle uova di storione trattate secondo procedimenti rigidamente stabiliti. Nel caso di uova di diversa provenienza (lompo, salmone, coregone, aringa, etc.), si dovrà usare il termine "succedaneo del caviale" o, come fanno in America, far precedere la parola "caviale" dall'indicazione del genere di pesce dal quale proviene.

In Russia, comunque, il concetto di caviale (o per meglio dire, ikra) si applica sia alle uova di storione che a quelle di salmone. Che sono infatti anch'esse rappresentate nel nostro francobollo, emesso in 250.000 esemplari dentellati 12¼ x 12 il 1° gennaio del 2005 per la serie Gastronomia-Posteurop.

Completano la vignetta un tradizionale samovar, un contenitore di burro fuso e le altrettanto tradizionali blinis, focaccine azzime di grano saraceno poco più spesse di una crêpe nelle quali avvolgere, dopo averle condite con panna acida o appunto con un po' di burro, un bel cucchiaino di caviale...

...un sorso di vodka, e si ricomincia.



  Kalduny  
  Ovoli  
  Caldeirada de polvo  
  Hwajeon  
  Dolcetto d'Alba  
  Cocomero  
  Dim sum  
  Bindaetteok  
  Tajine  
  Gingerbread  
  Fenkata  
  Feijoada brasileira  
  Gulai gajebo  
  Camembert  
  Acciughe alla povera  
  Pollo Kung Pao  
  Uskrsna pletenica  
  Escabeche  
  Cioccolato  
  Aceto balsamico  
  Dakos  
  Corn on the cob  
  Birra trappista  
  Quiche lorraine  
  Panzanella  
  Berlucchi  
  Nutella  
  Olio  
  Æbleflæsk  
  Mamaliga cu brânza  
  Oktoberfest  
  Chicharrón  
  Ajoblanco  
  Mozzarella di bufala  
  Moqueca  
  Ají de gallina  
  Lampreda  
  Kebab  
  Hot Dog  
  Poprtnik  
  Ayaka  
  Caldarroste  
  Semolino  
  Ihutilinanga  
  Palha de Abrantes  
  Pissaladiera  
  Parmigiano Reggiano  
  Hachis Parmentier  
  Mate  
  Torta pasqualina  
  Ris coj cossa  
  Trippa  
  Panettone  
  Parrillada criolla  
  Roquefort  
  Mežerli  
  Pozole  
  Ezogelin çorbasi  
  Pesto alla genovese  
  Canja de galinha  
  Paella  
  Bouillabaisse  
  Barbagiuans  
  Caviale  
  Gorgonzola  
  Paprikás  
  Sushi  
  Stucafisciu â brandacujun  
  Cassoulet  
  Couscous  
  Prosciutto  
  Risotto alla milanese  
  Fish chowder  
  Bacalhau assado  
  Spaghetti all'amatriciana  


...buon appetito...
torna a

Filatelia Tematica